martedì, Ottobre 26, 2021

IMO 2020: RAFFINERIE EUROPEE PRONTE A SODDISFARE LA NUOVA DOMANDA DI CARBURANTI LOW-SULFUR

Must read

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

La maggior parte delle raffinerie europee sta giù lavorando alla produzione di carburante navale a basso contenuto di zolfo e, in previsione dell’entrata in vigore dei nuovi limiti stabiliti dall’IMO (International Maritime Organizzation) nel 2020, l’industria è cautamente ottimista sulla sua capacità di soddisfare la nuova domanda di bunker low-sulfur.

E’ il messaggio emerso in occasione del recente Platts European Refining Summit, che si è svolto a Bruxelles e ha riunito produttori e consumatori di carburante navale.

Le possibilità, per le raffinerie, sono due: investire in nuovi impianti oppure raffinare greggio con basso contenuto di zolfo.

“Un passaggio a ‘greggio dolce’ è sicuramente possibile” ha detto Mark Anderson, consultant di KBC. “Ci sono molte tipologie di petrolio con contenuto di zolfo inferiore allo 0,5%”.

Tra questi, come ha spiegato Massimao Trani, Vice President R&D Planning & Technology Scenario di Eni, greggi di origine africana come Djeno Melange, Sarir, Western Desert, ma anche petroli ‘dolci’ provenienti dall’Asia e dal Mare del Nord.

In ogni caso molti corporation sono convinte che un semplice switch della materia prima non sia sufficiente, e hanno già provveduto ad effettuare investimenti in impiantistica, tra cui ExxonMobile ad Anversa, Grupa Lotos a Danzica, Gazpromneft e INA a Rijeka.

Oltre a dover soddisfare la nuova domanda di bunker a basso contenuto di zolfo, però, le raffineria dovranno anche affrontare un drastico calo della richiesta di HSFO (il fuel oil tradizionale, con un contenuto di zolfo apri al 3,5%), il cui prezzo, ha spiegato lo stesso Trani, “potrebbe crollare, garantendo margini più alti alle raffinerie tecnologicamente più avanzate, e in questo contesto l’ENI è ben posizionata grazia alla sua EST technology”.

Secondo il Direttore generale di Saras Dario Scaffardi, però, il fatto il prezzo del fuel oil sia destinato a crollare non comporterà una sua uscita dal mercato, anzi: “Prezzi bassi potrebbero convincere gli armatori a installare scrubber per poter rispettare i nuovi limiti continuando a bruciare il bunker al 3,5%, invece di passare al più costoso carburante low-sulfur”.

In ogni caso, secondo i report, la convinzione diffusa tra la platea dell’evento di Platts era che la maggior parte degli armatori sceglieranno il fuel a basso contenuto di zolfo, piuttosto che gli scrubber.

Sicuramente lo farà Maersk Line, la principale compagnia al mondo nel settore dei container, che da solo – come ha spiegato Savvas Manousos, global head of trading di Maersk Oil Trading – pesa per quasi la metà della domanda mondiale di fuel oil (la sole Maersk ne consuma il 5% del totale).

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...