sabato, Febbraio 27, 2021

IMO 2020: RAFFINERIE EUROPEE PRONTE A SODDISFARE LA NUOVA DOMANDA DI CARBURANTI LOW-SULFUR

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

La maggior parte delle raffinerie europee sta giù lavorando alla produzione di carburante navale a basso contenuto di zolfo e, in previsione dell’entrata in vigore dei nuovi limiti stabiliti dall’IMO (International Maritime Organizzation) nel 2020, l’industria è cautamente ottimista sulla sua capacità di soddisfare la nuova domanda di bunker low-sulfur.

E’ il messaggio emerso in occasione del recente Platts European Refining Summit, che si è svolto a Bruxelles e ha riunito produttori e consumatori di carburante navale.

Le possibilità, per le raffinerie, sono due: investire in nuovi impianti oppure raffinare greggio con basso contenuto di zolfo.

“Un passaggio a ‘greggio dolce’ è sicuramente possibile” ha detto Mark Anderson, consultant di KBC. “Ci sono molte tipologie di petrolio con contenuto di zolfo inferiore allo 0,5%”.

Tra questi, come ha spiegato Massimao Trani, Vice President R&D Planning & Technology Scenario di Eni, greggi di origine africana come Djeno Melange, Sarir, Western Desert, ma anche petroli ‘dolci’ provenienti dall’Asia e dal Mare del Nord.

In ogni caso molti corporation sono convinte che un semplice switch della materia prima non sia sufficiente, e hanno già provveduto ad effettuare investimenti in impiantistica, tra cui ExxonMobile ad Anversa, Grupa Lotos a Danzica, Gazpromneft e INA a Rijeka.

Oltre a dover soddisfare la nuova domanda di bunker a basso contenuto di zolfo, però, le raffineria dovranno anche affrontare un drastico calo della richiesta di HSFO (il fuel oil tradizionale, con un contenuto di zolfo apri al 3,5%), il cui prezzo, ha spiegato lo stesso Trani, “potrebbe crollare, garantendo margini più alti alle raffinerie tecnologicamente più avanzate, e in questo contesto l’ENI è ben posizionata grazia alla sua EST technology”.

Secondo il Direttore generale di Saras Dario Scaffardi, però, il fatto il prezzo del fuel oil sia destinato a crollare non comporterà una sua uscita dal mercato, anzi: “Prezzi bassi potrebbero convincere gli armatori a installare scrubber per poter rispettare i nuovi limiti continuando a bruciare il bunker al 3,5%, invece di passare al più costoso carburante low-sulfur”.

In ogni caso, secondo i report, la convinzione diffusa tra la platea dell’evento di Platts era che la maggior parte degli armatori sceglieranno il fuel a basso contenuto di zolfo, piuttosto che gli scrubber.

Sicuramente lo farà Maersk Line, la principale compagnia al mondo nel settore dei container, che da solo – come ha spiegato Savvas Manousos, global head of trading di Maersk Oil Trading – pesa per quasi la metà della domanda mondiale di fuel oil (la sole Maersk ne consuma il 5% del totale).

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...