sabato, Aprile 13, 2024

IMPORT DI GREGGIO: IN ITALIA -12,6% NEL PRIMO QUADRIMESTRE 2020

Must read

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

Cala l’import di greggio italiani nel primo quadrimestre dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2019, e c’era da espettarselo visto l’impatto che la crisi del coronavirus ha avuto sulla domanda di prodotti raffinati, crollata quasi a zero nel periodo di lockdown.

Secondo i dati elaborati dall’Unione Petrolifera, nel periodo gennaio-aprile 2020, il nostro Paese ha importato un totale di 17,196 milioni di tonnellate di petrolio greggio, il 12,6% in meno rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno.

Nel dettaglio della aree di provenienza, la quota più consistente di greggio è arrivato da Paesi ex URRS: 6,968 milioni di tonnellate (20,2% dall’Azerbaijan che si conferma il primo Paese per quota di mercato, l’11,1% dalla Russia e il 9,1% dal Kazakistan), il 6% in più su base annua e il 40,5% del totale importato.

Segue, come area di provenienza del greggio importato in Italia nei primi 4 mesi dell’anno, il Medio Oriente col 32,9% (il 18,3% dall’Iraq e il 14,5% dall’Arabia Saudita), pari a 5,651 milioni di tonnellate, cifra che costituisce un arretramento del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Al terzo posto, in base ai dati dell’Unione Petrolifera, si trova il Nord Africa con il 18,7% delle importazioni totali di greggio (il 6,4% dalla Nigeria, il 4,4% dalla Libia e il 2,4% dall’Algeria), ovvero 3,222 milioni di tonnellate, in drastico calo (oltre il 40%) su base annua.

Infine, da tutti gli altri Paesi non compresi in queste tre macro-regioni, l’Italia ha importato 1,355 tonnellate di greggio, ovvero il 7,9% del totale (-6,2%).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

McDermott firma un grosso contratto in Malesia

A distanza di 14 anni dal primo progetto malese, McDermott ottiene un nuovo contratto, dal valore compreso tra 1 e 50 milioni di dollari,...