lunedì, Ottobre 3, 2022

IMPORT DI GREGGIO: IN ITALIA -12,6% NEL PRIMO QUADRIMESTRE 2020

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Cala l’import di greggio italiani nel primo quadrimestre dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2019, e c’era da espettarselo visto l’impatto che la crisi del coronavirus ha avuto sulla domanda di prodotti raffinati, crollata quasi a zero nel periodo di lockdown.

Secondo i dati elaborati dall’Unione Petrolifera, nel periodo gennaio-aprile 2020, il nostro Paese ha importato un totale di 17,196 milioni di tonnellate di petrolio greggio, il 12,6% in meno rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno.

Nel dettaglio della aree di provenienza, la quota più consistente di greggio è arrivato da Paesi ex URRS: 6,968 milioni di tonnellate (20,2% dall’Azerbaijan che si conferma il primo Paese per quota di mercato, l’11,1% dalla Russia e il 9,1% dal Kazakistan), il 6% in più su base annua e il 40,5% del totale importato.

Segue, come area di provenienza del greggio importato in Italia nei primi 4 mesi dell’anno, il Medio Oriente col 32,9% (il 18,3% dall’Iraq e il 14,5% dall’Arabia Saudita), pari a 5,651 milioni di tonnellate, cifra che costituisce un arretramento del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Al terzo posto, in base ai dati dell’Unione Petrolifera, si trova il Nord Africa con il 18,7% delle importazioni totali di greggio (il 6,4% dalla Nigeria, il 4,4% dalla Libia e il 2,4% dall’Algeria), ovvero 3,222 milioni di tonnellate, in drastico calo (oltre il 40%) su base annua.

Infine, da tutti gli altri Paesi non compresi in queste tre macro-regioni, l’Italia ha importato 1,355 tonnellate di greggio, ovvero il 7,9% del totale (-6,2%).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...