venerdì, Febbraio 26, 2021

IMPORT DI GREGGIO: IN ITALIA -12,6% NEL PRIMO QUADRIMESTRE 2020

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Cala l’import di greggio italiani nel primo quadrimestre dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2019, e c’era da espettarselo visto l’impatto che la crisi del coronavirus ha avuto sulla domanda di prodotti raffinati, crollata quasi a zero nel periodo di lockdown.

Secondo i dati elaborati dall’Unione Petrolifera, nel periodo gennaio-aprile 2020, il nostro Paese ha importato un totale di 17,196 milioni di tonnellate di petrolio greggio, il 12,6% in meno rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno.

Nel dettaglio della aree di provenienza, la quota più consistente di greggio è arrivato da Paesi ex URRS: 6,968 milioni di tonnellate (20,2% dall’Azerbaijan che si conferma il primo Paese per quota di mercato, l’11,1% dalla Russia e il 9,1% dal Kazakistan), il 6% in più su base annua e il 40,5% del totale importato.

Segue, come area di provenienza del greggio importato in Italia nei primi 4 mesi dell’anno, il Medio Oriente col 32,9% (il 18,3% dall’Iraq e il 14,5% dall’Arabia Saudita), pari a 5,651 milioni di tonnellate, cifra che costituisce un arretramento del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Al terzo posto, in base ai dati dell’Unione Petrolifera, si trova il Nord Africa con il 18,7% delle importazioni totali di greggio (il 6,4% dalla Nigeria, il 4,4% dalla Libia e il 2,4% dall’Algeria), ovvero 3,222 milioni di tonnellate, in drastico calo (oltre il 40%) su base annua.

Infine, da tutti gli altri Paesi non compresi in queste tre macro-regioni, l’Italia ha importato 1,355 tonnellate di greggio, ovvero il 7,9% del totale (-6,2%).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...