mercoledì, Maggio 18, 2022

IN ATTESA DELLA DORSALE ITALGAS PUNTA SUL GNL PER METANIZZARE LA SARDEGNA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

In attesa di capire se la cosiddetta ‘dorsale sarda’, pipeline che dovrebbe correre da nord a sud della Sardegna consentendo la distribuzione capillare del gas, si farà davvero (cosa tutt’altro che scontata al momento), Italgas ha deciso di proseguire nel suo progetto di metanizzazione dell’isola puntando sul GNL. E, a tal fine, ha intavolato una trattativa commerciale con Higas, la società controllata all’80% del gruppo marittimo internazionale Avenir LNG e partecipata dalle società italiane Gas and Heat e CPL Concordia (con il 10% ciascuna) che sta realizzando il primo deposito di gas naturale liquefatto sulle coste sarde, pronto ad operare dal prossimo agosto nel porto di Oristano.

A rivelarlo è Claudio Evangelisti, Amministratore delegato di Gas and Heat, che è anche il general contractor del progetto, e delle stessa Higas, a margine del convegno LNG Global Forum, svoltosi a Milano.

“Italgas ha rilevato nel corso degli anni le concessioni di molti dei 38 bacini in cui era stata divisa la regione, nel progetto di metanizzazione originario, studiato anni fa e mai portato a termine. La società sta realizzando le reti di distribuzione finale in ogni bacino, come previsto, ma in assenza della possibilità di allacciare i singoli network locali alla dorsale, l’ipotesi più probabile è quella di realizzare dei depositi satelliti da rifornire di gas liquefatto via camion cisterna” spiega Evangelisti.

Si tratta di impianti in grado di ricevere GNL via camion e di rigassificarlo prima di immetterlo nella rete di distribuzione del relativo bacino, per la consegna ai clienti finali. “Ovviamente molto dipenderà dalla sostenibilità economica di questa soluzione, che però, in assenza della dorsale, sembra essere quella percorribile per realizzare davvero la metanizzazione della Sardegna”.

In quest’ottica – aggiunge quindi il numero uno di Gas and Heat e Higas – “è evidente che Italgas sia interessata ai possibili punti di accesso del GNL all’isola, e il nostro deposito di Oristano sarà uno di questi. Il primo ad essere completato. Motivo per cui – conclude Evangelisti – abbiamo avviato un dialogo con Italgas, da cui auspichiamo possano nascere presto opportunità di collaborazione”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...