martedì, Febbraio 7, 2023

IN ATTESA DELLA DORSALE ITALGAS PUNTA SUL GNL PER METANIZZARE LA SARDEGNA

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

In attesa di capire se la cosiddetta ‘dorsale sarda’, pipeline che dovrebbe correre da nord a sud della Sardegna consentendo la distribuzione capillare del gas, si farà davvero (cosa tutt’altro che scontata al momento), Italgas ha deciso di proseguire nel suo progetto di metanizzazione dell’isola puntando sul GNL. E, a tal fine, ha intavolato una trattativa commerciale con Higas, la società controllata all’80% del gruppo marittimo internazionale Avenir LNG e partecipata dalle società italiane Gas and Heat e CPL Concordia (con il 10% ciascuna) che sta realizzando il primo deposito di gas naturale liquefatto sulle coste sarde, pronto ad operare dal prossimo agosto nel porto di Oristano.

A rivelarlo è Claudio Evangelisti, Amministratore delegato di Gas and Heat, che è anche il general contractor del progetto, e delle stessa Higas, a margine del convegno LNG Global Forum, svoltosi a Milano.

“Italgas ha rilevato nel corso degli anni le concessioni di molti dei 38 bacini in cui era stata divisa la regione, nel progetto di metanizzazione originario, studiato anni fa e mai portato a termine. La società sta realizzando le reti di distribuzione finale in ogni bacino, come previsto, ma in assenza della possibilità di allacciare i singoli network locali alla dorsale, l’ipotesi più probabile è quella di realizzare dei depositi satelliti da rifornire di gas liquefatto via camion cisterna” spiega Evangelisti.

Si tratta di impianti in grado di ricevere GNL via camion e di rigassificarlo prima di immetterlo nella rete di distribuzione del relativo bacino, per la consegna ai clienti finali. “Ovviamente molto dipenderà dalla sostenibilità economica di questa soluzione, che però, in assenza della dorsale, sembra essere quella percorribile per realizzare davvero la metanizzazione della Sardegna”.

In quest’ottica – aggiunge quindi il numero uno di Gas and Heat e Higas – “è evidente che Italgas sia interessata ai possibili punti di accesso del GNL all’isola, e il nostro deposito di Oristano sarà uno di questi. Il primo ad essere completato. Motivo per cui – conclude Evangelisti – abbiamo avviato un dialogo con Italgas, da cui auspichiamo possano nascere presto opportunità di collaborazione”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...