mercoledì, Marzo 3, 2021

EXXONMOBIL CONTINUA A SCOMMETTERE SUL MEGA GIACIMENTO DI PETROLIO DELLA GUYANA

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Grazie agli ultimi investimenti destinati all’esplorazione sulle coste della Guayana, ExxonMobil porta le risorse recuperabili nel Paese a oltre 8.000 milioni di barili equivalenti di petrolio (MBOE).

Con la nuova scoperta fatta al largo delle coste dello Stato sudamericano, più precisamente a nord-est del campo Liza, il recente pozzo di esplorazione di Uaru ha portato i suoi frutti: si tratta del sedicesimo successo in poco più di un anno.

“Le recenti scoperte di petrolio di alta qualità nelle aree di Tripletail e Mako hanno contribuito ad aumentare in modo importante le riserve recuperabili” ha affermato nel comunicato stampa della corporation americana Mike Cousins, vicepresidente senior per le esplorazioni di ExxonMobil.

Durante la perforazione nell’area in mare aperto denominata Uaru, il gigante petrolifero texano ha rilevato la presenza di uno strato di 29 metri di spessore di arenaria che racchiude petrolio di alta qualità. La perforazione del pozzo offshore con 1.933 metri di profondità, si trova a 16 chilometri a nord-est del campo di Liza. In base alle informazioni confermate dalla stessa ExxonMobil, il pozzo ha iniziato a produrre petrolio dal mese di dicembre 2019.

In relazione allo sviluppo della Fase 1 del campo Liza, i bollettini statistici operativi attestano una produzione di 120.000 barili di petrolio al giorno, mediante la nave FPSO Liza Destiny.

La FPSO Liza Unity, invece, sarà impiegata per effettuare la seconda fase dello sviluppo e secondo le stime annunciate dalla compagnia americana, avrà una capacità produttiva di 220.000 barili di petrolio al giorno entro la metà del 2022.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...