mercoledì, Febbraio 28, 2024

LA COLOMBIANA ECOPETROL COMPLETA L’UPGRADE DELLA SUA RAFFINERIA DI BARRANCABERMEJA

Must read

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

Negli ultimi anni la compagnia statale colombiana Ecopetrol non solo ha deciso di aumentare la propria capacità produttiva, ma anche di elevare la qualità dei derivati per poter avere maggiore capacità di penetrazione nei mercati internazionali.

Frutto di questo ulteriore sforzo tecnico finanziario, é stata la fine dei lavori per modernizzare l’impianto Azufre IV di Barrancabermeja, che consiste nella rimozione di zolfo nel processo di raffinazione.

Il progetto inoltre ha permesso di aumentare del 75% la capacità di trattamento dei gas residuali che si liberano durante di raffinazione dei combustibili, passando da 80.000 a 140.000 piedi cubi ora e aumentare del 82% la capacità di rimuovere lo zolfo nell’impianto menzionato, passando da 50 tonnellate/giorno a 90 tonnellate/giorno.

L’aggiornamento tecnologico di questo impianto si é basato sulla sostituzione dei principali componenti del reattore chimico, caldaia e bruciatore, oltre all’impiego delle tecnologie per l’arricchimento con ossigeno. In questo modo si é aumentata la capacità di recupero di zolfo e l’efficacia nel trattamento dei gas associati.

Lo zolfo recuperato si venderà allo stato liquido a clienti che lo utilizzano in altri processi industriali come la produzione di acido solforico per batterie, fabbricazione di polveri, vulcanizzazione della gomma, produzione di fosforo, fungicidi, fertilizzanti, cosmetici e altri prodotti derivati.

L’investimento effettuato da Ecopetrol necessario per la costruzione di questa importante opera é stato di 15 milioni di dollari, che comprende lo sviluppo dell’ingegneria, acquisto dei principali macchinari, montaggio, le prove e la messa in funzione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...