martedì, Ottobre 26, 2021

L’ARABIA SAUDITA PRONTA AD AUMENTARE LA CAPACITA’ DELL’OLEODOTTO PETROLINE

Must read

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

L’Arabia Saudita, uno dei principali esportatori di petrolio del mondo, ha deciso di puntare maggiormente sulle pipeline per distribuire il suo greggio agli acquirenti internazionali.
L’obbiettivo dichiarato del Governo di Riad – come ha spiegato nei giorni scorsi all’agenzia di stampa Reuters il ministro dell’energia del regno arabo, Khalid al-Falih – è quello di ridurre i transiti dallo stretto di Hrmuz, dove la tensione è sempre più alta a causa del recente sequestro della petroliera britannica Stena Impero da parte delle autorità iraniane.

Già oggi l’Arabia Saudita esporta una parte della suo greggio tramite un oleodotto: l’infrastruttura, chiamata Petroline e lunga 1200 Km, viaggiando sulla direttrice est-ovest collega l’area orientale del regno, dove è concentrata la produzione petrolifera, con il porto di Yanbu sul Mar Rosso. Da lì le navi possono salpare per lasciare il Paese senza dover attraversa la sempre più rischiosa area di Hormuz.

Attualmente la condotta Petroline ha una capacità di 5 MMbpd, ma l’intenzione di Riad – ha assicurato Falih – “è quella di incrementarla fino a 7 MMbpd, anche se un intervento del genere richiederà almeno 2 anni di lavoro”.

In questo periodo molti Paesi del Medioriente esportatori di petrolio stanno studiando percorsi altrernativi per evitare Hormuz: l’Iran per esempio – secondo la Reuters – sta pianificando un incremento della quota di greggio esportato attraverso il porto turco di Ceyhan.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...