domenica, Settembre 25, 2022

L’ARABIA SAUDITA PRONTA AD AUMENTARE LA CAPACITA’ DELL’OLEODOTTO PETROLINE

Must read

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

L’Arabia Saudita, uno dei principali esportatori di petrolio del mondo, ha deciso di puntare maggiormente sulle pipeline per distribuire il suo greggio agli acquirenti internazionali.
L’obbiettivo dichiarato del Governo di Riad – come ha spiegato nei giorni scorsi all’agenzia di stampa Reuters il ministro dell’energia del regno arabo, Khalid al-Falih – è quello di ridurre i transiti dallo stretto di Hrmuz, dove la tensione è sempre più alta a causa del recente sequestro della petroliera britannica Stena Impero da parte delle autorità iraniane.

Già oggi l’Arabia Saudita esporta una parte della suo greggio tramite un oleodotto: l’infrastruttura, chiamata Petroline e lunga 1200 Km, viaggiando sulla direttrice est-ovest collega l’area orientale del regno, dove è concentrata la produzione petrolifera, con il porto di Yanbu sul Mar Rosso. Da lì le navi possono salpare per lasciare il Paese senza dover attraversa la sempre più rischiosa area di Hormuz.

Attualmente la condotta Petroline ha una capacità di 5 MMbpd, ma l’intenzione di Riad – ha assicurato Falih – “è quella di incrementarla fino a 7 MMbpd, anche se un intervento del genere richiederà almeno 2 anni di lavoro”.

In questo periodo molti Paesi del Medioriente esportatori di petrolio stanno studiando percorsi altrernativi per evitare Hormuz: l’Iran per esempio – secondo la Reuters – sta pianificando un incremento della quota di greggio esportato attraverso il porto turco di Ceyhan.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Pemex aiuterà a spegnere l’incendio del serbatoio di stoccaggio di petrolio a Cuba

Per ordine del Presidente del Messico, il personale specializzato della compagnia Pemex si è recato a Cuba per aiutare a estinguere l'incendio causato venerdì...