venerdì, Aprile 23, 2021

L’ARABIA SAUDITA PRONTA AD AUMENTARE LA CAPACITA’ DELL’OLEODOTTO PETROLINE

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Arabia Saudita, uno dei principali esportatori di petrolio del mondo, ha deciso di puntare maggiormente sulle pipeline per distribuire il suo greggio agli acquirenti internazionali.
L’obbiettivo dichiarato del Governo di Riad – come ha spiegato nei giorni scorsi all’agenzia di stampa Reuters il ministro dell’energia del regno arabo, Khalid al-Falih – è quello di ridurre i transiti dallo stretto di Hrmuz, dove la tensione è sempre più alta a causa del recente sequestro della petroliera britannica Stena Impero da parte delle autorità iraniane.

Già oggi l’Arabia Saudita esporta una parte della suo greggio tramite un oleodotto: l’infrastruttura, chiamata Petroline e lunga 1200 Km, viaggiando sulla direttrice est-ovest collega l’area orientale del regno, dove è concentrata la produzione petrolifera, con il porto di Yanbu sul Mar Rosso. Da lì le navi possono salpare per lasciare il Paese senza dover attraversa la sempre più rischiosa area di Hormuz.

Attualmente la condotta Petroline ha una capacità di 5 MMbpd, ma l’intenzione di Riad – ha assicurato Falih – “è quella di incrementarla fino a 7 MMbpd, anche se un intervento del genere richiederà almeno 2 anni di lavoro”.

In questo periodo molti Paesi del Medioriente esportatori di petrolio stanno studiando percorsi altrernativi per evitare Hormuz: l’Iran per esempio – secondo la Reuters – sta pianificando un incremento della quota di greggio esportato attraverso il porto turco di Ceyhan.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...