giovedì, Maggio 13, 2021

L’AUSTRALIANA PO VALLEY CONFERMA: FIRST GAS DEL GIACIMENTO SELVA (BOLOGNA) NEL 2020

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Il giacimento Selva, situato nell’offshore italiano, a nordest di Bologna, ha ancora riserve di gas per 13,3 bcf (miliardi di piedi cubi), che verranno sfruttate a partire dal prossimo anno.

La ha annunciato PO Valley Energy Limited, gruppo energetico australiano (quotato alla borsa di Sydney) molto attivo nel Nord Italia, che controlla il 63% della concessione relativa la Selva, la cui quote restanti sono in mano a Energy Limited.

Il Selva, storicamente parte degli asset nazionali dell’Eni, che lo ha sfruttato per la produzione di gas dal tra il 1956 e il 1984, ha recentemente ottenuto dal Governo italiano un’autorizzazione preliminare per la produzione, che PO Valley conta di poter avviare, con l’estrazione del ‘first gas, già nel 2020.

Oltre alle riserve contenute nel Selva (8,38 bcf in quota di PO), la cui stima si basa sui dati forniti dalla nota società di consulenza geofisica francese CGG, secondo le previsioni in possesso del gruppo australiano, altri 34,8 bcf di gas dovrebebro essere contenuti nella vicina area East Selva.

“Il Selva si trova a meno di un chilometro dalla rete nazionale del gas e offre costi di avviamento bassi (capex 3 milioni di euro) e un IRR alto (120%)” ha detto il CEO di PO Valley Michael Masterman.

“La diffusione delle stime sulle sue riserve sono un passaggio importante dopo il test flow positivo del pozzo Podere Gallina 1 svoltosi a gennaio dello scorso anno. “Come nel Selva, ci sono buone prospettive anche per altre aree della concessione Selva Malvezzi, come East Selva, Fondo Perino, Selva South Flank e Riccardina, e anche per Cembalina nella licenza esplorativa Podere Gallina”.

“Siamo concentrati sugli sviluppi del progetto per arrivare al first gas del Selva nel 2020” ha quindi aggiunto Masterman.

“L’Italia – ha concluso il manager della società australiana – continua a dover importare più del 90% del gas che viene consumato, quindi una nuova fonte domestico come il Selva costruirà valore per gli azionisti e aiuterà il Paese a sostenere l’utilizzo di gas naturale come strumento per la transazione energetica verso un’economia low-carbon”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...