domenica, Agosto 1, 2021

L’EGITTO PREME PER INCREMENTARE LA PRODUZIONE DEL GIACIMENTO ZOHR, GESTITO DALL’ENI

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

L’Egitto vuole accelerare sullo sviluppo del maxi-giacimento di gas Zohr, scoperto nel 2015 dall’Eni, che è anche gestore del sito.

L’obbiettivo dell’esecutivo del Cairo, infatti, sarebbe quello – secondo quanto riferito all’agenzia Bloomberg dal ministro egiziano del Petrolio Tarek el-Molla –di anticipare il target di produzione originariamente fissato per il 2019, e raggiungerlo già entro la fine dell’anno in corso per consentire al paese di porre fine alle costose importazioni di GNL e raggiungere così l’autosufficienza dal punto di vista del gas naturale.

Sarebbero già in corso trattative tra l’Eni e il Governo egiziano per anticipare l’avvio della fase due, tramite cui raggiungere l’obbiettivo dichiarato dal ministro el-Molla.

Per il Cairo si tratta di un punto di fondamentale importanza, poiché l’acquisto di GNL da trader internazionali come Glencore e Trafigura sta mettendo a dura prova l’economia nazionale egiziana, che da tempo soffre di scarsità di riserve di valuta estera, con cui devono essere pagate queste forniture.

Al momento la produzione del giacimento Zohr consente all’Egitto di ridurre il volume delle importazioni di GNL risparmiando circa 60 milioni di dollari al mese, ovvero circa 720 milioni di dollari all’anno. Ma entro la fine del 2018, se in tale data il paese riuscirà a raggiungere l’autosufficienza – ha spiegato el-Molla – sarà possibile risparmiare 250 milioni di dollari al mese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...