lunedì, Gennaio 18, 2021

L’ENI DÀ I NUMERI SUL MERCATO DEL GAS

Must read

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...

GNL: prezzi record in Asia, ma dopo il picco (ormai vicino) la situazione tenderà a normalizzarsi

A causa di un inverno particolarmente freddo, che ha prosciugato le riserve di gas di molti Paesi, e di un’offerta ridotta ai minimi termini,...

Dopo il primo volume, dedicato all’industria petrolifera e presentato lo scorso luglio, in questi giorni l’Eni ha pubblicato il secondo capitolo della sua World Oil and Gas Review 2017, la rassegna statistica mondiale su riserve, produzione e consumi di petrolio e gas naturale che quest’anno ha raggiunto la sedicesima edizione.

Il documento – come spiega la corporation di San Donato Milanese in una nota – fornisce dati e statistiche sul gas naturale, sui biocombustibili e, per la prima volta, sulle nuove energie rinnovabili (eolico e solare); fonti che rappresentano elementi chiave per una transizione energetica verso un futuro low carbon.

Secondo i dati raccolti dall’Eni nel 2016 le riserve mondiali di gas sono aumentate dello 0,9%, trainate dalle performance di USA (dove le riserve sono tornate ad aumentare dopo il calo del 2015), Nigeria e Iraq. Parlando invece di valore assoluto, al vertice della classifica c’è la Russia, che da sola detiene il 25% di tutte le riserve di gas mondiali, mentre nella top-ten sono presenti ben 6 paesi membri dell’OPEC, che insieme detengono il 32% delle riserve complessive.

Per quanto riguarda invece la produzione di gas, lo scorso anno l’output complessivo a livello mondiale è aumentato dello 0,7% rispetto al 2015, soprattutto grazie ai nuovi impianti che sono entrati a regime in Australia. Negli USA, che restano i primi produttori al mondo, dopo una decade di crescita costante dovuta al crescente sfruttamento dei giacimenti di shale gas, lo scorso anno l’output ha registrato una leggera flessione (-3,2%). Stazionaria invece la Norvegia e in calo la produzione dell’Unione Europea, con un -3%. Segno più invece per la Russia, che resta il secondo produttore del mondo dietro gli Stati Uniti e che lo scorso anno ha messo a segno un nuovo incremento dopo l’arresto del 2015.

Per quanto riguarda invece le dinamiche della domanda mondiale di gas naturale, le statistiche dell’Eni parlano di un incremento del 2% nel 2016, grazie soprattutto alla crescita sostenuta dell’Unione Europea (+5,1%) e della regione asiatica (+5,1%), dove spicca la Cina con consumi in crescita dell’8,6% su base annua.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...

GNL: prezzi record in Asia, ma dopo il picco (ormai vicino) la situazione tenderà a normalizzarsi

A causa di un inverno particolarmente freddo, che ha prosciugato le riserve di gas di molti Paesi, e di un’offerta ridotta ai minimi termini,...

Total investe nei gas rinnovabili acquisendo al connazionale Fonroche Biogaz

La major francese Total ha messo a segno un nuovo investimento sul fronte delle energie rinnovabili, acquisendo la connazionale Fonroche Biogaz, compagnia specializzata nella...