sabato, Maggio 15, 2021

L’ENI NOLEGGIA IL SAIPEM 12000 PER ATTIVITA’ OFFSHORE IN PAKISTAN

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

L’Eni ha noleggiato il Saipem 12000, nave da perforazione del contractor italiano, per trivellare un pozzo esplorativo nell’offshore del Pakistan.

A riferirlo è la testata specializzata Offshore Energy Today, che cita il broker norvegese Bassoe Offshore secondo cui lo scorso 24 ottobre l’Eni avrebbe firmato con Saipem un contratto di 3 mesi, a partire dal 1° dicembre prossimo, per l’impiego di questo drillship.

L’incarico non è stato reso noto, ma secondo la testata, lo scopo del lavoro del Saipem 12000 potrebbe essere quello di perforare pozzi nel campo offshore Indus G-Block.

Lo scorso, infatti, fonti di stampa pakistana – scrive ancora Offshore Energy Today – riferivano che una joint-venture costituita da Eni, Exxon, Oil and Gas Development Company (OGDC) e Pakistan Petroleum Limited stava progettando di perforare il pozzo esplorativo Kekra-1 nel gennaio 2019, utilizzando un drillship noleggiato proprio dalla corporation italiana.

Attualmente il Saipem 12000 si trova a Las Palmas, dove è arrivato al termine di un incaricco svolto in Marocco per conto dell’Eni. Prima ancora il mezzo era stato utilizzato, sempre dall’Eni, nell’offshore a Cipro, ma il gruppo di San Donato Milanese aveva poi deciso di spostarlo altrove a seguito delle minacce di sequestro arrivate dalla Marina Militare turca, dopo il Governo di Ankara aveva intimato all’Eni di interrompere le esplorazioni del Blocco 3.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...