venerdì, Dicembre 3, 2021

L’ENI NOLEGGIA LA SAIPEM 12000 PER TRIVELLAZIONI NELL’OFFSHORE DEL MAROCCO

Must read

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

L’Eni si è assicurata l’utilizzo della drillship Saipem 12000, di Saipem, per le attività di trivellazione del pozzo RD-1, situato all’interno del prospetto JP-1 della concessione Rabat Deep, nell’offshore del Marocco.

Ad annunciarlo ufficialmente è stata la società britannica Chariot Oil & Gas Limited, che è partner della corporation italiana e che ha anche precisato come la Saipem 12000 arriverà nell’offshore marocchino durante il primo trimestre del 2018, per iniziare immediatamente le attività di perforazione sottomarina.

Eni è operatore della concessione Rabat Deep, e ne detiene il 40% delle quote, rilevate a gennaio 2017 dalla stessa Chariot, che ne ha mantenuto il 10%, mentre il restante 50% è equamente suddiviso tra Woodside e Office National des Hydrocarbures et des Mines.

“Siamo molto contenti di vedere che Eni sta procedendo rapidamente con le operazioni della concessione Rabat Deep, noleggiando la Saipem 12000 per le perforazioni del prospetto JP-1, che è uno dei nostri target strategici” ha commentato il CEO di Chariot Larry Bottomlay in una nota. “L’area ha grande potenzialità di risorse e, in caso di successo, consentirà all’azienda di ridurre il margine di rischio di altri target che abbiamo identificato nelle vicine concessioni di Mohammedia e Kenitra, in cui Chariot detiene il 75% delle quote”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Petrobras aumenterà gli investimenti del 25% fino al 2026

La compagnia petrolifera brasiliana Petrobras ha riferito che per il quinquennio 2022-2026 il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato un aumento degli investimenti...