mercoledì, Agosto 4, 2021

L’ENI NOLEGGIA LA SAIPEM 12000 PER TRIVELLAZIONI NELL’OFFSHORE DEL MAROCCO

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

L’Eni si è assicurata l’utilizzo della drillship Saipem 12000, di Saipem, per le attività di trivellazione del pozzo RD-1, situato all’interno del prospetto JP-1 della concessione Rabat Deep, nell’offshore del Marocco.

Ad annunciarlo ufficialmente è stata la società britannica Chariot Oil & Gas Limited, che è partner della corporation italiana e che ha anche precisato come la Saipem 12000 arriverà nell’offshore marocchino durante il primo trimestre del 2018, per iniziare immediatamente le attività di perforazione sottomarina.

Eni è operatore della concessione Rabat Deep, e ne detiene il 40% delle quote, rilevate a gennaio 2017 dalla stessa Chariot, che ne ha mantenuto il 10%, mentre il restante 50% è equamente suddiviso tra Woodside e Office National des Hydrocarbures et des Mines.

“Siamo molto contenti di vedere che Eni sta procedendo rapidamente con le operazioni della concessione Rabat Deep, noleggiando la Saipem 12000 per le perforazioni del prospetto JP-1, che è uno dei nostri target strategici” ha commentato il CEO di Chariot Larry Bottomlay in una nota. “L’area ha grande potenzialità di risorse e, in caso di successo, consentirà all’azienda di ridurre il margine di rischio di altri target che abbiamo identificato nelle vicine concessioni di Mohammedia e Kenitra, in cui Chariot detiene il 75% delle quote”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...