giovedì, Maggio 13, 2021

L’ENI NOLEGGIA LA SAIPEM 12000 PER TRIVELLAZIONI NELL’OFFSHORE DEL MAROCCO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

L’Eni si è assicurata l’utilizzo della drillship Saipem 12000, di Saipem, per le attività di trivellazione del pozzo RD-1, situato all’interno del prospetto JP-1 della concessione Rabat Deep, nell’offshore del Marocco.

Ad annunciarlo ufficialmente è stata la società britannica Chariot Oil & Gas Limited, che è partner della corporation italiana e che ha anche precisato come la Saipem 12000 arriverà nell’offshore marocchino durante il primo trimestre del 2018, per iniziare immediatamente le attività di perforazione sottomarina.

Eni è operatore della concessione Rabat Deep, e ne detiene il 40% delle quote, rilevate a gennaio 2017 dalla stessa Chariot, che ne ha mantenuto il 10%, mentre il restante 50% è equamente suddiviso tra Woodside e Office National des Hydrocarbures et des Mines.

“Siamo molto contenti di vedere che Eni sta procedendo rapidamente con le operazioni della concessione Rabat Deep, noleggiando la Saipem 12000 per le perforazioni del prospetto JP-1, che è uno dei nostri target strategici” ha commentato il CEO di Chariot Larry Bottomlay in una nota. “L’area ha grande potenzialità di risorse e, in caso di successo, consentirà all’azienda di ridurre il margine di rischio di altri target che abbiamo identificato nelle vicine concessioni di Mohammedia e Kenitra, in cui Chariot detiene il 75% delle quote”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...