lunedì, Marzo 1, 2021

L’ENI NOLEGGIA LA SAIPEM 12000 PER TRIVELLAZIONI NELL’OFFSHORE DEL MAROCCO

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

L’Eni si è assicurata l’utilizzo della drillship Saipem 12000, di Saipem, per le attività di trivellazione del pozzo RD-1, situato all’interno del prospetto JP-1 della concessione Rabat Deep, nell’offshore del Marocco.

Ad annunciarlo ufficialmente è stata la società britannica Chariot Oil & Gas Limited, che è partner della corporation italiana e che ha anche precisato come la Saipem 12000 arriverà nell’offshore marocchino durante il primo trimestre del 2018, per iniziare immediatamente le attività di perforazione sottomarina.

Eni è operatore della concessione Rabat Deep, e ne detiene il 40% delle quote, rilevate a gennaio 2017 dalla stessa Chariot, che ne ha mantenuto il 10%, mentre il restante 50% è equamente suddiviso tra Woodside e Office National des Hydrocarbures et des Mines.

“Siamo molto contenti di vedere che Eni sta procedendo rapidamente con le operazioni della concessione Rabat Deep, noleggiando la Saipem 12000 per le perforazioni del prospetto JP-1, che è uno dei nostri target strategici” ha commentato il CEO di Chariot Larry Bottomlay in una nota. “L’area ha grande potenzialità di risorse e, in caso di successo, consentirà all’azienda di ridurre il margine di rischio di altri target che abbiamo identificato nelle vicine concessioni di Mohammedia e Kenitra, in cui Chariot detiene il 75% delle quote”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...