venerdì, Febbraio 3, 2023

L’ENI OTTIENE UNA NUOVA LICENZA ESPLORATIVA NELL’OFFSHORE DELL’INDONESIA

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

L’Eni consolida la sua presenza nell’offshore dell’Indonesia, dove ha ottenuto una nuova licenza esplorativa nelle acque profonde del bacino di Kutei.

La corporation italiana (operatore col 40% delle quote), in partnership con l’azienda statale indonesiana Pertamina (30%) e con Neptune Energy (30%), a valle del secondo “conventional oil and gas bidding round 2019” indetto dal Ministro dell’Energia e delle Risorse Minerali dell’Indonesia, si è infatti aggiudicata i diritti esplorativi sul blocco di West Ganal.

Si tratta – spiega il ‘cane a sei zampe’ in una nota – di “un nuovo Gross Split PSC (Production Sharing Contract), che copre un’area di circa 1.129 chilometri quadrati confinante con i PSC operati da Eni di Muara Bakau e di East Sepinggan, nello stretto di Makassar, nell’offshore dell’East Kalimantan”.

Un’assegnazione che consente all’Eni di consolidare la sua presenza nella regione e di dare ulteriore impulso alla collaborazione con Pertamina e Neptune Energy, partner della joint-venture di Muara Bakau che opera il giacimento di Jangkrik.

Il nuovo blocco appena ottenuto in concessione del gruppo di San Donato include anche la scoperta di Maha, caratterizzata da risorse di gas in posto stimate intorno ai 17 miliardi di metri cubi e ulteriore potenziale esplorativo, i cui progetti di sviluppo e relativi tempi di commercializzazione beneficeranno della vicinanza con le infrastrutture già operative presso il giacimento di Jangkrik (situato nel PSC di Muara Bakau, ha iniziato la produzione nel 2017).

“Questo nuovo progetto – secondo l’azienda italiana – incrementerà ulteriormente la disponibilità di gas, sia per il mercato domestico che per l’esportazione, consentendo il potenziamento di Eni (presente in Indonesia fin dal 2001) nel mercato GNL in continua crescita nell’area Asia-Pacifico”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...