martedì, Ottobre 26, 2021

L’ENI SI AFFIDA A PACIFIC DRILLING PER TRIVELLARE UN NUOVO POZZO OFFHSORE IN NIGERIA

Must read

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

L’Eni si è affidata al gruppo internazionale Pacific Drilling per lo scavo di un nuovo pozzo nell’offshore della Nigeria.

La corporation italiana ha infatti firmato un contratto di noleggio per il Pacific Bora, drillship con posizionamento dinamico in grado di operare in acque profonde fino a 3.000 metri e di perforare pozzi profondi fino a 11.000 metri.

Attualmente, il mezzo di Pacific Drilling – operatore specializzato nelle perforazioni offshore, con sedi in Lussemburgo e a Houston (Texas), quotato alla Borsa di New York e dotato di una flotta di 7 unità navali – sta operando nell’offshore di Abidjan, in Costa d’Avorio. L’incarico per conto del ‘cane a sei zampe’ (assegnato tramite la controllata Nigerian Agip Exploration Limited), che riguarda un singolo pozzo, con opzione per altri due, inizierà entro la fine del prossimo novembre. Il valore economico è pari a 9 milioni di dollari.

Il CEO di Pacific Drilling Paul Reese ha commentato: “A stretto giro dall’annuncio del nuovo incarico ottenuto per Pacific Santa Ana in Mauritania, siamo contenti di esserci assicurati questo contratto per il Bora, che rifletta la nostra significativa esperienza in Nigeria e il nostro impegno mai interrotto a fornire servizi di perforazione del massimo livello ai nostri clienti”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...