venerdì, Aprile 23, 2021

L’ENI SI AFFIDA A PACIFIC DRILLING PER TRIVELLARE UN NUOVO POZZO OFFHSORE IN NIGERIA

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni si è affidata al gruppo internazionale Pacific Drilling per lo scavo di un nuovo pozzo nell’offshore della Nigeria.

La corporation italiana ha infatti firmato un contratto di noleggio per il Pacific Bora, drillship con posizionamento dinamico in grado di operare in acque profonde fino a 3.000 metri e di perforare pozzi profondi fino a 11.000 metri.

Attualmente, il mezzo di Pacific Drilling – operatore specializzato nelle perforazioni offshore, con sedi in Lussemburgo e a Houston (Texas), quotato alla Borsa di New York e dotato di una flotta di 7 unità navali – sta operando nell’offshore di Abidjan, in Costa d’Avorio. L’incarico per conto del ‘cane a sei zampe’ (assegnato tramite la controllata Nigerian Agip Exploration Limited), che riguarda un singolo pozzo, con opzione per altri due, inizierà entro la fine del prossimo novembre. Il valore economico è pari a 9 milioni di dollari.

Il CEO di Pacific Drilling Paul Reese ha commentato: “A stretto giro dall’annuncio del nuovo incarico ottenuto per Pacific Santa Ana in Mauritania, siamo contenti di esserci assicurati questo contratto per il Bora, che rifletta la nostra significativa esperienza in Nigeria e il nostro impegno mai interrotto a fornire servizi di perforazione del massimo livello ai nostri clienti”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...