giovedì, Giugno 24, 2021

LIBIA, NOC ANNUNCIA: OUTPUT A 1 MILIONE DI BPD ENTRO UN MESE GRAZIE ALLA RIAPERTURA DEI TERMINAL PETROLIFERI

Must read

OMV Petrom entra nella commercializzazione di GNL

OMV Petrom, la più grande compagnia energetica nel Sud-Est Europeo, ha dichiarato di aver ottenuto una licenza per la commercializzazione del Gas Naturale Liquefatto...

Equinor ottiene due permessi esplorativi nel Mare di Barents in Norvegia

Il Ministro Norvegese del Petrolio e dell’Energia Tina Bru ha concesso a sette compagnie che operano nel settore petrolifero quattro licenze di esplorazione, tre...

Nuova significativa scoperta di olio e gas nel Mare del Nord per Eni.

Attraverso la società partecipata Var Energi, Eni ha annunciato una nuova scoperta di gas e olio nei due pozzi esplorativi King e Prince, situati...

BONUS PUBBLICITÀ 2021, INVESTI SULLE NOSTRE TESTATE!!!

Se avete perso la scadenza di Marzo 2021 siete ancora in tempo a presentare la domanda di accesso al bonus! Il decreto sostegni bis (dl...

La Libia punta a raggiungere un output petrolifero di 1 milione di barili al giorno, grazie alla riapertura dei due principali terminal petroliferi rimasti ancora chiusi a causa degli effetti della guerra civile in atto nel Paese.

Venerdì scorso, infatti, la compagnia statale National Oil Corp (NOC) ha annunciato di aver ritirato l’esercizio della clausola di forza maggiore relativamente ai due terminal per l’export di greggio Es Sider e Ras Lanuf, aggiungendo che grazie a questa decisione l’output petrolifero del Paese potrà raggiungere gli 800.000 bpd entro due settimane, per arrivare alla fatidica soglia del milione di bpd nel giro di un mese. Si tratterebbe di un valore ancora lontano dai circa 1,6 milioni di bpd su cui il Paese viaggiava stabilmente prima dello scoppio della guerra civile, ma di un dato comunque molto confortante considerando che solo a inizio ottobre, quando erano stati riaperti, dopo la fine dell’occupazione militare da parte delle milizie al potere nell’Est del Paese, i terminal per l’export di Marsa El Hariga, Brega e Zueitina, l’output nazionale era inferiore ai 300.000 bpd.

Al Waha Oil Co, la controllata di NOC che gestisce il terminal di Es Sider, ha spiegato che il porto ha ricominciato a funzionare sabato e che la prima petroliera è attesa proprio in queste ore. Mentre, già nei giorni scorsi, l’incaricato dell’ONU per ola questione libica, Stephanie Williams, aveva annunciato che i due porti di Es Sider e Ras Lanuf, i due più grandi terminal petroliferi ancora chiusi, sarebbero stati riaperti a breve.

Attualmente – secondo l’agenzia di stampa Reuters – l’output petrolifero della Libia, dopo essere crollato a causa della guerra civile, è tornato a salire e si attesta attorno ai 500.000 bpd. In costante crescita proprio grazie alla progressiva riapertura dei porti specializzati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

OMV Petrom entra nella commercializzazione di GNL

OMV Petrom, la più grande compagnia energetica nel Sud-Est Europeo, ha dichiarato di aver ottenuto una licenza per la commercializzazione del Gas Naturale Liquefatto...

Equinor ottiene due permessi esplorativi nel Mare di Barents in Norvegia

Il Ministro Norvegese del Petrolio e dell’Energia Tina Bru ha concesso a sette compagnie che operano nel settore petrolifero quattro licenze di esplorazione, tre...

Nuova significativa scoperta di olio e gas nel Mare del Nord per Eni.

Attraverso la società partecipata Var Energi, Eni ha annunciato una nuova scoperta di gas e olio nei due pozzi esplorativi King e Prince, situati...

BONUS PUBBLICITÀ 2021, INVESTI SULLE NOSTRE TESTATE!!!

Se avete perso la scadenza di Marzo 2021 siete ancora in tempo a presentare la domanda di accesso al bonus! Il decreto sostegni bis (dl...

In Argentina aumenta del 53 % il costo del GNL importato

Il governo argentino pagherà il GNL a 13 dollari per milione di BTU, vale a dire 4,5 dollari in più rispetto alla media di...