giovedì, Luglio 7, 2022

LIBIA, NOC ANNUNCIA: OUTPUT A 1 MILIONE DI BPD ENTRO UN MESE GRAZIE ALLA RIAPERTURA DEI TERMINAL PETROLIFERI

Must read

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

La Libia punta a raggiungere un output petrolifero di 1 milione di barili al giorno, grazie alla riapertura dei due principali terminal petroliferi rimasti ancora chiusi a causa degli effetti della guerra civile in atto nel Paese.

Venerdì scorso, infatti, la compagnia statale National Oil Corp (NOC) ha annunciato di aver ritirato l’esercizio della clausola di forza maggiore relativamente ai due terminal per l’export di greggio Es Sider e Ras Lanuf, aggiungendo che grazie a questa decisione l’output petrolifero del Paese potrà raggiungere gli 800.000 bpd entro due settimane, per arrivare alla fatidica soglia del milione di bpd nel giro di un mese. Si tratterebbe di un valore ancora lontano dai circa 1,6 milioni di bpd su cui il Paese viaggiava stabilmente prima dello scoppio della guerra civile, ma di un dato comunque molto confortante considerando che solo a inizio ottobre, quando erano stati riaperti, dopo la fine dell’occupazione militare da parte delle milizie al potere nell’Est del Paese, i terminal per l’export di Marsa El Hariga, Brega e Zueitina, l’output nazionale era inferiore ai 300.000 bpd.

Al Waha Oil Co, la controllata di NOC che gestisce il terminal di Es Sider, ha spiegato che il porto ha ricominciato a funzionare sabato e che la prima petroliera è attesa proprio in queste ore. Mentre, già nei giorni scorsi, l’incaricato dell’ONU per ola questione libica, Stephanie Williams, aveva annunciato che i due porti di Es Sider e Ras Lanuf, i due più grandi terminal petroliferi ancora chiusi, sarebbero stati riaperti a breve.

Attualmente – secondo l’agenzia di stampa Reuters – l’output petrolifero della Libia, dopo essere crollato a causa della guerra civile, è tornato a salire e si attesta attorno ai 500.000 bpd. In costante crescita proprio grazie alla progressiva riapertura dei porti specializzati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...