venerdì, Aprile 12, 2024

LIBIA, NOC ANNUNCIA: OUTPUT A 1 MILIONE DI BPD ENTRO UN MESE GRAZIE ALLA RIAPERTURA DEI TERMINAL PETROLIFERI

Must read

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

La Libia punta a raggiungere un output petrolifero di 1 milione di barili al giorno, grazie alla riapertura dei due principali terminal petroliferi rimasti ancora chiusi a causa degli effetti della guerra civile in atto nel Paese.

Venerdì scorso, infatti, la compagnia statale National Oil Corp (NOC) ha annunciato di aver ritirato l’esercizio della clausola di forza maggiore relativamente ai due terminal per l’export di greggio Es Sider e Ras Lanuf, aggiungendo che grazie a questa decisione l’output petrolifero del Paese potrà raggiungere gli 800.000 bpd entro due settimane, per arrivare alla fatidica soglia del milione di bpd nel giro di un mese. Si tratterebbe di un valore ancora lontano dai circa 1,6 milioni di bpd su cui il Paese viaggiava stabilmente prima dello scoppio della guerra civile, ma di un dato comunque molto confortante considerando che solo a inizio ottobre, quando erano stati riaperti, dopo la fine dell’occupazione militare da parte delle milizie al potere nell’Est del Paese, i terminal per l’export di Marsa El Hariga, Brega e Zueitina, l’output nazionale era inferiore ai 300.000 bpd.

Al Waha Oil Co, la controllata di NOC che gestisce il terminal di Es Sider, ha spiegato che il porto ha ricominciato a funzionare sabato e che la prima petroliera è attesa proprio in queste ore. Mentre, già nei giorni scorsi, l’incaricato dell’ONU per ola questione libica, Stephanie Williams, aveva annunciato che i due porti di Es Sider e Ras Lanuf, i due più grandi terminal petroliferi ancora chiusi, sarebbero stati riaperti a breve.

Attualmente – secondo l’agenzia di stampa Reuters – l’output petrolifero della Libia, dopo essere crollato a causa della guerra civile, è tornato a salire e si attesta attorno ai 500.000 bpd. In costante crescita proprio grazie alla progressiva riapertura dei porti specializzati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

McDermott firma un grosso contratto in Malesia

A distanza di 14 anni dal primo progetto malese, McDermott ottiene un nuovo contratto, dal valore compreso tra 1 e 50 milioni di dollari,...