venerdì, Maggio 14, 2021

LIBIA: OUTPUT PETROLIFERO RADDOPPIATO IN POCHI MESI

Must read

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

Dall’inizio della scorsa estate ad oggi la produzione petrolifera della Libia è più che raddoppiata, secondo i dati rivelati al Wall Street Journal da Mustafa Sanallah, Presidente della compagnia statale NOC (National Oil Corp).

Sanallah, parlando a margine di una conferenza sull’energia che si è svolta ad Abu Dhabi, ha dichiarato che lo scorso giugno l’output petrolifero era pari a 500.000 dollari al giorno, mentre attualmente il livello ha raggiunto 1,28 milioni di barili al giorno.

Questo notevole incremento produttivo si è concretizzato – fa notare la testata economica statunitense – proprio in concomitanza di un crollo del prezzo del greggio, causato in larga misura dall’innalzamento dell’output dell’Arabia Saudita, che ha aumentato la produzione per compensare la fuoriuscita dal mercato del greggio iraniano, colpito dalle nuove sanzioni americane in vigore dal 4 novembre scorso.

Nei mesi scorsi i porti orientali del Paese erano stati chiusi a causa dei continui attacchi subiti da parte di milizie locali, che si susseguono fin dall’inizio della guerra civile scoppiata nel 2011 in seguito alla deposizione di Gheddafi.

Recentemente, però, Sanalla ha negoziato con le milizie riuscendo ad ottenere la riapertura delle strutture per l’export, svolta che ha reso possibile questa impennata della produzione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...