venerdì, Aprile 23, 2021

L’ITALIANA NIDEC ASI SALE ‘A BORDO’ DEL PROGETTO ARCTIC LNG 2 DI NOVATEK

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’azienda italiana Nidec ASI – nata nel 2012 quanto la corporation giapponese Nidec acquisì l’ex Ansaldo Sistemi Industriali – è salita a bordo del maxi progetto russo Arctic LNG 2.

L’azienda con sede a Milano ha infatti firmato con Siemens Gas and Power un contratto dal valore di diversi milioni di euro, per la fornitura di Variable Frequency Drives Systems (VFDS) e di motori per il progetto Arctic LNG 2, che andranno a comporre gli impianti di liquefazione del gas naturale situati nella penisola di Jamal, nella Russia Artica.

I motori forniti da Nidec ASI avranno caratteristiche tecniche tali da consentire di lavorare ininterrottamente anche fino a 52 °C sotto lo zero, rispondendo alle speciali esigenze di un clima come quello del Circolo Polare Artico. Nello specifico, Nidec ASI fornirà: per Feed Gas Booster compressors, 3 sistemi VFDS con sorgente di corrente da 37 kW, e 3 motori sincrono, compresi i sistemi di filtraggio armonico e trasformatori d’ingresso per l’installazione in aree pericolose; e per i Boil Off Gas compressors, 3 sistemi a tensione impressa PWM VFDS da 20 MW, per l’avviamento di 6 Motori a induzione a media tensione a velocità fissa, entrambi i sistemi sono progettati per il funzionamento continuo fino a -52 °C.

Il progetto Arctic LNG 2 sviluppato dalla corporation russa Novatek, del valore totale di 25,5 miliardi di dollari, prevede la realizzazione di tre impianti per la liquefazione del gas naturale tramite piattaforme GBS (Gravity Base Structure), ciascuna della capacità di circa 6,6 milioni di tonnellate/anno (MTPA), equivalenti a 535.000 barili al giorno. Gli impianti saranno installati su piattaforme nelle acque del Golfo dell’Ob’, dove troveranno posto anche strutture di stoccaggio del GNL per un totale di 687.000 metri cubi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...