venerdì, Settembre 29, 2023

L’ITALIANA TECHINT REALIZZERA’ UNA NUOVA RAFFINERIA AD ASYUT, IN EGITTO

Must read

Arriva la decisione per il campo di Rosebank: il progetto andrà avanti

Con un investimento di 3,8 miliardi di dollari, la norvegese Equinor e la britannica Ithaca Energy porteranno avanti lo sviluppo del giacimento di Rosebank....

ENI UK stoccherà la CO2 al largo del Regno Unito

L'Autorità Britannica ha concesso a ENI UK, affiliata di Eni nel Regno Unito, la licenza per stoccare l'anidride carbonica nel giacimento di Hewett, nell'offshore...

Woodside Energy ha avviato il tie-back Shenzi North nel Golfo del Messico

Woodside, azienda energetica globale con sede in Australia, ha avviato la produzione di petrolio dal giacimento Shenzi North, situato nell'offshore americano del Golfo del...

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da...

Il gruppo italiano TechiNt realizzerà una nuova raffineria in Egitto, che servirà al Paese nordafricano per soddisfare la domanda interna di prodotti petroliferi (soprattutto diesel) e ridurre quindi la dipendenza dalle importazioni.

Il contratto, del valore di 2,5 miliardi di dollari, è stato firmato nei giorni scorsi alla presenza del Ministro del Petrolio e delle Risorse Minerali dell’Egitto, Tarek al-Mulla, da Mohamed Badr Eddin, Presidente della Assiut National Oil Processing Company (ANOPC), e dai vertici di Techint Engineering, la società del gruppo Techint attiva nei servizi di project management, ingegneria, acquisti e costruzione per progetti su larga scala nei settori oil&gas, energia, attività estrattive, infrastrutture e architettura per edifici civili e impianti industriali.

Il nuovo polo di raffinazione sarà progettato per massimizzare lo sfruttamento, tramite l’innovativa tecnica dell’hydrocracking, del mazut, prodotto a basso valore che potrà essere così trasformato in combustibili ad alto valore, soprattutto diesel corrispondente alle specifiche europee.

Il nuovo impianto, che sorgerà ad Asyut, città situata nel cuore del Paese nordafricano, avrà una capacità produttiva di 2,8 milioni di tonnellate all’anno e produrrà anche butano e nafta, utilizzati per i gasoli ad alto contenuto di ottani.

Questa iniziativa rientra in un più ampio piano di potenziamento della capacità di raffinazione nazionale del Governo del Cairo che ha messo in atto anche altre operazioni analoghe. In tale contesto si inserisce la recente firma tra la Egyptian Petrochemicals Holding Company (ECHEM) e Bechtel Group di un contatto da 6,7 miliardi di dollari per la costruzione di un nuovo complesso petrolchimico nella Suez Canal Economic Zone.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Arriva la decisione per il campo di Rosebank: il progetto andrà avanti

Con un investimento di 3,8 miliardi di dollari, la norvegese Equinor e la britannica Ithaca Energy porteranno avanti lo sviluppo del giacimento di Rosebank....

ENI UK stoccherà la CO2 al largo del Regno Unito

L'Autorità Britannica ha concesso a ENI UK, affiliata di Eni nel Regno Unito, la licenza per stoccare l'anidride carbonica nel giacimento di Hewett, nell'offshore...

Woodside Energy ha avviato il tie-back Shenzi North nel Golfo del Messico

Woodside, azienda energetica globale con sede in Australia, ha avviato la produzione di petrolio dal giacimento Shenzi North, situato nell'offshore americano del Golfo del...

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da...

Sinopec vuole il Kazakistan: colloqui con il Primo Ministro

Sinopec (China Petroleum & Chemical Corporation), colosso petrolifero e petrolchimico integrato cinese, ha mostrato interesse in una possibile partecipazione in progetti nei propri settori...