mercoledì, Maggio 25, 2022

L’ITALIANA TECHINT REALIZZERA’ UNA NUOVA RAFFINERIA AD ASYUT, IN EGITTO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il gruppo italiano TechiNt realizzerà una nuova raffineria in Egitto, che servirà al Paese nordafricano per soddisfare la domanda interna di prodotti petroliferi (soprattutto diesel) e ridurre quindi la dipendenza dalle importazioni.

Il contratto, del valore di 2,5 miliardi di dollari, è stato firmato nei giorni scorsi alla presenza del Ministro del Petrolio e delle Risorse Minerali dell’Egitto, Tarek al-Mulla, da Mohamed Badr Eddin, Presidente della Assiut National Oil Processing Company (ANOPC), e dai vertici di Techint Engineering, la società del gruppo Techint attiva nei servizi di project management, ingegneria, acquisti e costruzione per progetti su larga scala nei settori oil&gas, energia, attività estrattive, infrastrutture e architettura per edifici civili e impianti industriali.

Il nuovo polo di raffinazione sarà progettato per massimizzare lo sfruttamento, tramite l’innovativa tecnica dell’hydrocracking, del mazut, prodotto a basso valore che potrà essere così trasformato in combustibili ad alto valore, soprattutto diesel corrispondente alle specifiche europee.

Il nuovo impianto, che sorgerà ad Asyut, città situata nel cuore del Paese nordafricano, avrà una capacità produttiva di 2,8 milioni di tonnellate all’anno e produrrà anche butano e nafta, utilizzati per i gasoli ad alto contenuto di ottani.

Questa iniziativa rientra in un più ampio piano di potenziamento della capacità di raffinazione nazionale del Governo del Cairo che ha messo in atto anche altre operazioni analoghe. In tale contesto si inserisce la recente firma tra la Egyptian Petrochemicals Holding Company (ECHEM) e Bechtel Group di un contatto da 6,7 miliardi di dollari per la costruzione di un nuovo complesso petrolchimico nella Suez Canal Economic Zone.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...