giovedì, Febbraio 22, 2024

I SUPPLIER AMERICANI DI GNL SOTTO PRESSIONE A CAUSA DEL VIRUS COVID-19

Must read

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

I principali fornitori di GNL da tempo lavorano in condizioni piuttosto difficili a causa dei prezzi bassi, generati da un eccesso di volumi presenti sul mercato globale.

Ma con il continuo espandersi del virus Covid-19, comunemente chiamato ‘coronavirus’ lo scenario si sta complicando visto che la produzione industriale asiatica ha toccato i minimi.

Di fronte all’imminente prospettiva che le esportazioni con prezzi spot non riescano a coprire le spese di trasporto marittimo e gli operatori dei terminal per l’export statunitensi potrebbero arrivare a bloccare le spedizioni se la situazione non migliora.

Non bisogna dimenticare che negli ultimi anni sono stati investiti ingenti capitali per potenziare i terminal che vanno dal Maryland a Texas, allo scopo di incrementare le esportazioni di GNL verso il mercato asiatico.

Un duro colpo per il settore degli idrocarburi americano, dopo che la guerra commerciale tra USA e Cina finalmente aveva trovato pace.

In questi giorni Eric Bensaude, amministratore delagato di Cheniere Energy Inc., il piú grande esportatore di GNL degli USA, ha affermato che la situazione si complicherà ulteriormente nelle prossime settimane: “Se un cliente decide di non caricare il prodotto, la nostra compagnia non riprenderà il GNL, lo rivenderà a un prezzo inferiore”. Lasciando così intuire un imminente collasso dei prezzi, se la situazione non cambia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Claudio Descalzi incontra il presidente dell’Indonesia

L'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è recato a Giacarta per incontrare il Presidente della Repubblica indonesiano Joko Widodo. Il tema dell'incontro era...