venerdì, Agosto 6, 2021

I SUPPLIER AMERICANI DI GNL SOTTO PRESSIONE A CAUSA DEL VIRUS COVID-19

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

I principali fornitori di GNL da tempo lavorano in condizioni piuttosto difficili a causa dei prezzi bassi, generati da un eccesso di volumi presenti sul mercato globale.

Ma con il continuo espandersi del virus Covid-19, comunemente chiamato ‘coronavirus’ lo scenario si sta complicando visto che la produzione industriale asiatica ha toccato i minimi.

Di fronte all’imminente prospettiva che le esportazioni con prezzi spot non riescano a coprire le spese di trasporto marittimo e gli operatori dei terminal per l’export statunitensi potrebbero arrivare a bloccare le spedizioni se la situazione non migliora.

Non bisogna dimenticare che negli ultimi anni sono stati investiti ingenti capitali per potenziare i terminal che vanno dal Maryland a Texas, allo scopo di incrementare le esportazioni di GNL verso il mercato asiatico.

Un duro colpo per il settore degli idrocarburi americano, dopo che la guerra commerciale tra USA e Cina finalmente aveva trovato pace.

In questi giorni Eric Bensaude, amministratore delagato di Cheniere Energy Inc., il piú grande esportatore di GNL degli USA, ha affermato che la situazione si complicherà ulteriormente nelle prossime settimane: “Se un cliente decide di non caricare il prodotto, la nostra compagnia non riprenderà il GNL, lo rivenderà a un prezzo inferiore”. Lasciando così intuire un imminente collasso dei prezzi, se la situazione non cambia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...