giovedì, Maggio 19, 2022

I SUPPLIER AMERICANI DI GNL SOTTO PRESSIONE A CAUSA DEL VIRUS COVID-19

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

I principali fornitori di GNL da tempo lavorano in condizioni piuttosto difficili a causa dei prezzi bassi, generati da un eccesso di volumi presenti sul mercato globale.

Ma con il continuo espandersi del virus Covid-19, comunemente chiamato ‘coronavirus’ lo scenario si sta complicando visto che la produzione industriale asiatica ha toccato i minimi.

Di fronte all’imminente prospettiva che le esportazioni con prezzi spot non riescano a coprire le spese di trasporto marittimo e gli operatori dei terminal per l’export statunitensi potrebbero arrivare a bloccare le spedizioni se la situazione non migliora.

Non bisogna dimenticare che negli ultimi anni sono stati investiti ingenti capitali per potenziare i terminal che vanno dal Maryland a Texas, allo scopo di incrementare le esportazioni di GNL verso il mercato asiatico.

Un duro colpo per il settore degli idrocarburi americano, dopo che la guerra commerciale tra USA e Cina finalmente aveva trovato pace.

In questi giorni Eric Bensaude, amministratore delagato di Cheniere Energy Inc., il piú grande esportatore di GNL degli USA, ha affermato che la situazione si complicherà ulteriormente nelle prossime settimane: “Se un cliente decide di non caricare il prodotto, la nostra compagnia non riprenderà il GNL, lo rivenderà a un prezzo inferiore”. Lasciando così intuire un imminente collasso dei prezzi, se la situazione non cambia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...