lunedì, Ottobre 3, 2022

L’ITLAIA SUPERA LA TURCHIA E DIVENTA IL SECONDO IMPORTATORE MONDIALE DI GAS RUSSO

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Nel corso del 2019 l’Italia ha superato la Turchia ed è diventato il secondo compratore di gas russo, dietro solo alla Germania.

A riferirlo è Bloomberg, che cita i dati dell’annual report di Gazprom, il colosso energetico controllato dal Governo di Mosca.

Il sorpasso è avvenuto in un contesto di generale contrazione delle esportazioni russe di gas naturale verso l’Europa Occidentale, scrive l’agenzia americana: lo scorso anno Gazprom ha venduto e clienti di questa regione 147,4 miliardi di metri cubi di gas, il 9,3% in meno rispetto al 2018. Un calo dovuto a diversi fattori, dall’inverno mite alla concorrenza del GNL, un’alternativa al gas russo trasportato via pipeliene su cui ha spinto molto l’amministrazione Trump, proprio per cercare di imporre l’acquisto di gas liquefatto di origine americana in sostituzione al prodotto di Gazprom.

L’effetto si è sentito anche sulle importazioni della Germania, che resta il principale cliente della Russia, ma che è anche – proprio in qualità di primo mercato di destinazione – il principale target della pressione di Washington, che per questa ragione ha introdotto sanzioni economiche nei confronti del nuovo gasdotto Nord Stream 2, in fase di costruzione da Gazprom.

Dopo Germania e Italia, nel ranking dei clienti di Gazprom, c’è la Turchia, che ha perso una posizione (a favore del Belpaese) ma che resta comunque sul terzo gradino del podio come buyer di gas proveniente dalla Russia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...