mercoledì, Marzo 3, 2021

L’ITLAIA SUPERA LA TURCHIA E DIVENTA IL SECONDO IMPORTATORE MONDIALE DI GAS RUSSO

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nel corso del 2019 l’Italia ha superato la Turchia ed è diventato il secondo compratore di gas russo, dietro solo alla Germania.

A riferirlo è Bloomberg, che cita i dati dell’annual report di Gazprom, il colosso energetico controllato dal Governo di Mosca.

Il sorpasso è avvenuto in un contesto di generale contrazione delle esportazioni russe di gas naturale verso l’Europa Occidentale, scrive l’agenzia americana: lo scorso anno Gazprom ha venduto e clienti di questa regione 147,4 miliardi di metri cubi di gas, il 9,3% in meno rispetto al 2018. Un calo dovuto a diversi fattori, dall’inverno mite alla concorrenza del GNL, un’alternativa al gas russo trasportato via pipeliene su cui ha spinto molto l’amministrazione Trump, proprio per cercare di imporre l’acquisto di gas liquefatto di origine americana in sostituzione al prodotto di Gazprom.

L’effetto si è sentito anche sulle importazioni della Germania, che resta il principale cliente della Russia, ma che è anche – proprio in qualità di primo mercato di destinazione – il principale target della pressione di Washington, che per questa ragione ha introdotto sanzioni economiche nei confronti del nuovo gasdotto Nord Stream 2, in fase di costruzione da Gazprom.

Dopo Germania e Italia, nel ranking dei clienti di Gazprom, c’è la Turchia, che ha perso una posizione (a favore del Belpaese) ma che resta comunque sul terzo gradino del podio come buyer di gas proveniente dalla Russia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...