giovedì, Maggio 19, 2022

L’ITLAIA SUPERA LA TURCHIA E DIVENTA IL SECONDO IMPORTATORE MONDIALE DI GAS RUSSO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Nel corso del 2019 l’Italia ha superato la Turchia ed è diventato il secondo compratore di gas russo, dietro solo alla Germania.

A riferirlo è Bloomberg, che cita i dati dell’annual report di Gazprom, il colosso energetico controllato dal Governo di Mosca.

Il sorpasso è avvenuto in un contesto di generale contrazione delle esportazioni russe di gas naturale verso l’Europa Occidentale, scrive l’agenzia americana: lo scorso anno Gazprom ha venduto e clienti di questa regione 147,4 miliardi di metri cubi di gas, il 9,3% in meno rispetto al 2018. Un calo dovuto a diversi fattori, dall’inverno mite alla concorrenza del GNL, un’alternativa al gas russo trasportato via pipeliene su cui ha spinto molto l’amministrazione Trump, proprio per cercare di imporre l’acquisto di gas liquefatto di origine americana in sostituzione al prodotto di Gazprom.

L’effetto si è sentito anche sulle importazioni della Germania, che resta il principale cliente della Russia, ma che è anche – proprio in qualità di primo mercato di destinazione – il principale target della pressione di Washington, che per questa ragione ha introdotto sanzioni economiche nei confronti del nuovo gasdotto Nord Stream 2, in fase di costruzione da Gazprom.

Dopo Germania e Italia, nel ranking dei clienti di Gazprom, c’è la Turchia, che ha perso una posizione (a favore del Belpaese) ma che resta comunque sul terzo gradino del podio come buyer di gas proveniente dalla Russia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...