giovedì, Maggio 13, 2021

LNG CROATIA: 27 MANIFESTAZIONI D’INTERESSE PER IL RIGASSIFICATORE DI KRK

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Sembra aver destato molto interesse il progetto messo a punto dalle autorità della Croazia per realizzare un nuovo impianto di rigassificazione al largo dell’isola di Krk, nel Mar Adriatico.

Lo scorso settembre LNG Croatia, la società pubblica cui compete lo sviluppo delle nuova infrastruttura energetica, aveva lanciato due diverse procedure con richieste per manifestazioni d’interesse, la prima per la fornitura e la successiva gestione di un’unità FSRU e la seconda per la fornitura di una serie di impianti ed equipaggiamenti accessori.

La scadenza era inizialmente fissata per il 29 settembre scorso, ma è stata poi prorogata fino al 6 ottobre, forse proprio in considerazione del notevole riscontro ottenuto.

Secondo quanto riferito dalla sessa LNG Croatia, infatti, le manifestazioni d’interesse giunte alle autorità di Zagabria sono state in tutto 27: 13 per la fornitura della FSRU, la sua gestione e manutenzione, mentre altre 14 per la fornitura della docking station di altri impianti accessori per l’attività del rigassificatore.

Una volta valutati i soggetti interessati, LNG Croatia darà avvio alle seconda fase della procedura, che prevede la formulazione di offerte economiche vincolanti.

L’intero progetto sarà cofinanziato da fondi dell’Unione Europa, che però ha posto alcune condizioni per il conferimento delle risorse: la FSRU dovrà essere acquistata da LNG Croatia, e non noleggiata o persa in leasing, come solitamente avviene per questo tipo di unità galleggianti. Inoltre, il rigassificatore dovrà essere installato al largo dell’isola di Krk entro il 2019, mentre l’avvio delle attività operative e quindi lo sbarco della prima nave carica di GNL è previsto durante l’anno successivo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...