sabato, Febbraio 27, 2021

LNG CROATIA LANCIA UN BANDO PER UN NUOVO RIGASSIFICATORE DA INSTALLARE SULL’ISOLA DI KRK

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

LNG Croatia, società a capitale pubblico controllata dal Governo di Zagabria, è alla ricerca di un partner per realizzare un nuovo rigassificatore a servizio del mercato interno nazionale, che dovrà sorgere sull’isola di Krk.

L’azienda, cui compete lo sviluppo del progetto, nei giorni scorsi ha infatti emanato un bando pubblico con la richiesta di manifestazioni d’interesse a partecipare al procedimento di fornitura, e di successiva gestione e manutenzione, di una nuova unità FSRU (Floating Storage and Rigassification Unit) offshore. La scadenza, per questa prima fase di pre-qualifica, è fissata al 29 settembre prossimo.

Parallelamente, LNG Croazia ha anche pubblicato un secondo bando, anch’esso mirato a raccogliere manifestazioni d’interesse propedeutiche all’avvio di una gara vera e propria, ma relativo alla fornitura di componenti e lavori accessori all’installazione del FSRU, tra cui la progettazione e la costruzione di una banchina, del gasdotto di collegamento tra il terminal galleggiante e la stazione di ricezione del gas sulla terra ferma, impianti ad alta pressione, strutture accessorie e palazzine per gli addetti dell’impianto.

I termini di questa seconda procedura sono fissati per il prossimo 6 ottobre, mentre i lavori per la realizzazione del nuovo rigassificatore croato – che richiederà investimenti complessivi 343 milioni di euro, parte dei quali co-finanziati dall’Unione Europea tramite i fondi del programma CEF (Connectong Europe Facility) – dovrebbero iniziare nel 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...