domenica, Settembre 24, 2023

LNG CROATIA LANCIA UN BANDO PER UN NUOVO RIGASSIFICATORE DA INSTALLARE SULL’ISOLA DI KRK

Must read

ENI UK stoccherà la CO2 al largo del Regno Unito

L'Autorità Britannica ha concesso a ENI UK, affiliata di Eni nel Regno Unito, la licenza per stoccare l'anidride carbonica nel giacimento di Hewett, nell'offshore...

Woodside Energy ha avviato il tie-back Shenzi North nel Golfo del Messico

Woodside, azienda energetica globale con sede in Australia, ha avviato la produzione di petrolio dal giacimento Shenzi North, situato nell'offshore americano del Golfo del...

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da...

Sinopec vuole il Kazakistan: colloqui con il Primo Ministro

Sinopec (China Petroleum & Chemical Corporation), colosso petrolifero e petrolchimico integrato cinese, ha mostrato interesse in una possibile partecipazione in progetti nei propri settori...

LNG Croatia, società a capitale pubblico controllata dal Governo di Zagabria, è alla ricerca di un partner per realizzare un nuovo rigassificatore a servizio del mercato interno nazionale, che dovrà sorgere sull’isola di Krk.

L’azienda, cui compete lo sviluppo del progetto, nei giorni scorsi ha infatti emanato un bando pubblico con la richiesta di manifestazioni d’interesse a partecipare al procedimento di fornitura, e di successiva gestione e manutenzione, di una nuova unità FSRU (Floating Storage and Rigassification Unit) offshore. La scadenza, per questa prima fase di pre-qualifica, è fissata al 29 settembre prossimo.

Parallelamente, LNG Croazia ha anche pubblicato un secondo bando, anch’esso mirato a raccogliere manifestazioni d’interesse propedeutiche all’avvio di una gara vera e propria, ma relativo alla fornitura di componenti e lavori accessori all’installazione del FSRU, tra cui la progettazione e la costruzione di una banchina, del gasdotto di collegamento tra il terminal galleggiante e la stazione di ricezione del gas sulla terra ferma, impianti ad alta pressione, strutture accessorie e palazzine per gli addetti dell’impianto.

I termini di questa seconda procedura sono fissati per il prossimo 6 ottobre, mentre i lavori per la realizzazione del nuovo rigassificatore croato – che richiederà investimenti complessivi 343 milioni di euro, parte dei quali co-finanziati dall’Unione Europea tramite i fondi del programma CEF (Connectong Europe Facility) – dovrebbero iniziare nel 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

ENI UK stoccherà la CO2 al largo del Regno Unito

L'Autorità Britannica ha concesso a ENI UK, affiliata di Eni nel Regno Unito, la licenza per stoccare l'anidride carbonica nel giacimento di Hewett, nell'offshore...

Woodside Energy ha avviato il tie-back Shenzi North nel Golfo del Messico

Woodside, azienda energetica globale con sede in Australia, ha avviato la produzione di petrolio dal giacimento Shenzi North, situato nell'offshore americano del Golfo del...

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da...

Sinopec vuole il Kazakistan: colloqui con il Primo Ministro

Sinopec (China Petroleum & Chemical Corporation), colosso petrolifero e petrolchimico integrato cinese, ha mostrato interesse in una possibile partecipazione in progetti nei propri settori...

Grande novità nel trasporto via mare: scoperto il modo di trasportare CO2 liquida

Gas & Heat, storica azienda pisana leader in progettazione, costruzione, fornitura ed installazione di impianti del carico per navi gasiere destinate al trasporto marittimo...