lunedì, Novembre 29, 2021

LNG CROATIA LANCIA UN BANDO PER UN NUOVO RIGASSIFICATORE DA INSTALLARE SULL’ISOLA DI KRK

Must read

Messico. Gli operatori investono 315 milioni di euro nella perforazione di pozzi

La Commissione Nazionale Idrocarburi (CNH) ha riferito che nel trimestre luglio-settembre 2021 è stata confermata l'autorizzazione per la perforazione di 15 pozzi, di cui...

I prezzi della benzina negli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo

Secondo i dati dell'Office of Energy Information (EIA), nel mese di novembre il prezzo medio che i consumatori statunitensi hanno pagato per la benzina...

Biden ha annunciato il rilascio di 50 milioni di barili dalle proprie riserve

L'annuncio del governo federale di rilasciare sul mercato 50 milioni di barili dalla sua riserva strategica di petrolio è un forte segnale per contrastare...

Colombia aumenta la capacità di importazione di GPL

Sono stati inaugurati i lavori di ampliamento del Terminal di Okianus allo scopo di incrementare la capacità di importazione di GPL, che adesso garantisce...

LNG Croatia, società a capitale pubblico controllata dal Governo di Zagabria, è alla ricerca di un partner per realizzare un nuovo rigassificatore a servizio del mercato interno nazionale, che dovrà sorgere sull’isola di Krk.

L’azienda, cui compete lo sviluppo del progetto, nei giorni scorsi ha infatti emanato un bando pubblico con la richiesta di manifestazioni d’interesse a partecipare al procedimento di fornitura, e di successiva gestione e manutenzione, di una nuova unità FSRU (Floating Storage and Rigassification Unit) offshore. La scadenza, per questa prima fase di pre-qualifica, è fissata al 29 settembre prossimo.

Parallelamente, LNG Croazia ha anche pubblicato un secondo bando, anch’esso mirato a raccogliere manifestazioni d’interesse propedeutiche all’avvio di una gara vera e propria, ma relativo alla fornitura di componenti e lavori accessori all’installazione del FSRU, tra cui la progettazione e la costruzione di una banchina, del gasdotto di collegamento tra il terminal galleggiante e la stazione di ricezione del gas sulla terra ferma, impianti ad alta pressione, strutture accessorie e palazzine per gli addetti dell’impianto.

I termini di questa seconda procedura sono fissati per il prossimo 6 ottobre, mentre i lavori per la realizzazione del nuovo rigassificatore croato – che richiederà investimenti complessivi 343 milioni di euro, parte dei quali co-finanziati dall’Unione Europea tramite i fondi del programma CEF (Connectong Europe Facility) – dovrebbero iniziare nel 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Gli operatori investono 315 milioni di euro nella perforazione di pozzi

La Commissione Nazionale Idrocarburi (CNH) ha riferito che nel trimestre luglio-settembre 2021 è stata confermata l'autorizzazione per la perforazione di 15 pozzi, di cui...

I prezzi della benzina negli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo

Secondo i dati dell'Office of Energy Information (EIA), nel mese di novembre il prezzo medio che i consumatori statunitensi hanno pagato per la benzina...

Biden ha annunciato il rilascio di 50 milioni di barili dalle proprie riserve

L'annuncio del governo federale di rilasciare sul mercato 50 milioni di barili dalla sua riserva strategica di petrolio è un forte segnale per contrastare...

Colombia aumenta la capacità di importazione di GPL

Sono stati inaugurati i lavori di ampliamento del Terminal di Okianus allo scopo di incrementare la capacità di importazione di GPL, che adesso garantisce...

Lukoil scopre un nuovo giacimento petrolifero nel Golfo del Messico

La compagnia petrolifera russa Lukoil ha annunciato la scoperta di un importante giacimento calcolato con una riserva di 250 milioni di barili di greggio....