martedì, Maggio 17, 2022

MAIRE TECNIMONT OTTIENE UNA NUOVA COMMESSA DA 45 MILIONI DI DOLLARI AD ABU DHABI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Maire Tecnimont, tramite la controllata Tecnimont, ha firmato un contratto con Abu Dhabi Polymers Company (Borouge) per le attività di Front-End Engineering and Design (FEED) relative alla quarta fase di espansione del complesso petrolchimico di Ruwais, ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti.

Borouge è la joint venture fra Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC), una tra le società oil & gas più grandi al mondo, e Borealis, produttore austriaco leader a livello internazionale nella fornitura di soluzioni innovative nel campo delle poliolefine, prodotti chimici e fertilizzanti.

Il valore complessivo del contratto è pari a circa 45 milioni di dollari su base rimborsabile e lo scopo del lavoro consiste in attività FEED per la quarta fase di espansione del complesso petrolchimico di Borouge a Ruwais, costituito dal più grande mixed feed cracker al mondo, con una capacità pari a 1,8 milioni di tonnellate all’anno di etilene. Il nuovo cracker, il quarto del complesso petrolchimico di Borouge, sarà associato a numerose unità di processo e dalle relative utilities & offsites. Il completamento del progetto è previsto entro il 2020.

Il gruppo Maire Tecnimont è attivo negli Emirati Arabi Uniti creando dalla fine degli anni ’90, con il primo complesso poliolefine di Borouge  (Borouge 1) completato nel 2001. Dopo aver portato a termine due ulteriori progetti di espansione del complesso nel 2007 e nel 2010 (rispettivamente Borouge 2 e Borouge 3), il gruppo sta attualmente eseguendo i lavori EPC per la quinta unità di polipropilene di Borouge (PP5).

“Dopo la nostra recente aggiudicazione del progetto PP5, continuamo a rafforzare ulteriormente la storica relazione del gruppo con un player industriale leader come Borouge” ha commentato Pierroberto Folgiero, Amministratore felegato dei Maire Tecnimont. “Il nostro forte vantaggio competitivo tecnologico nel trasformare risorse naturali in prodotti innovativi e a maggiore valore aggiunto, ci consente di essere in prima linea nell’ambito del piano multimiliardario di investimenti nel downstream di Abu Dhabi”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...