venerdì, Ottobre 22, 2021

MAIRE TECNIMONT OTTIENE UNA NUOVA COMMESSA DA 45 MILIONI DI DOLLARI AD ABU DHABI

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Maire Tecnimont, tramite la controllata Tecnimont, ha firmato un contratto con Abu Dhabi Polymers Company (Borouge) per le attività di Front-End Engineering and Design (FEED) relative alla quarta fase di espansione del complesso petrolchimico di Ruwais, ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti.

Borouge è la joint venture fra Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC), una tra le società oil & gas più grandi al mondo, e Borealis, produttore austriaco leader a livello internazionale nella fornitura di soluzioni innovative nel campo delle poliolefine, prodotti chimici e fertilizzanti.

Il valore complessivo del contratto è pari a circa 45 milioni di dollari su base rimborsabile e lo scopo del lavoro consiste in attività FEED per la quarta fase di espansione del complesso petrolchimico di Borouge a Ruwais, costituito dal più grande mixed feed cracker al mondo, con una capacità pari a 1,8 milioni di tonnellate all’anno di etilene. Il nuovo cracker, il quarto del complesso petrolchimico di Borouge, sarà associato a numerose unità di processo e dalle relative utilities & offsites. Il completamento del progetto è previsto entro il 2020.

Il gruppo Maire Tecnimont è attivo negli Emirati Arabi Uniti creando dalla fine degli anni ’90, con il primo complesso poliolefine di Borouge  (Borouge 1) completato nel 2001. Dopo aver portato a termine due ulteriori progetti di espansione del complesso nel 2007 e nel 2010 (rispettivamente Borouge 2 e Borouge 3), il gruppo sta attualmente eseguendo i lavori EPC per la quinta unità di polipropilene di Borouge (PP5).

“Dopo la nostra recente aggiudicazione del progetto PP5, continuamo a rafforzare ulteriormente la storica relazione del gruppo con un player industriale leader come Borouge” ha commentato Pierroberto Folgiero, Amministratore felegato dei Maire Tecnimont. “Il nostro forte vantaggio competitivo tecnologico nel trasformare risorse naturali in prodotti innovativi e a maggiore valore aggiunto, ci consente di essere in prima linea nell’ambito del piano multimiliardario di investimenti nel downstream di Abu Dhabi”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...