venerdì, Aprile 23, 2021

MICHEL BORRELL (TOTAL) NOMINATO PRESIDENTE DELLA SPE OFFSHORE EUROPE 2019

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Michael Borrell, senior vice president North Sea e Russia della corporation francese Total, è stato nominato Presidente dell’edizione 2019 della fiera internazionale SPE Offshore Europe, che si svolgerà dal 3 al 6 settembre del prossimo anno ad Aberdeen, in Scozia, e che avrà come titolo: “La nostra licenza di operare: puntare all’eccellenza”.

Borrel, come Presidente della conferenza, avrà il compito di guidare un comitato internazionale composto da leader dell’industria oil&gas nella definizione delle varie sessioni e del programma tecnico della prossima edizione di SPE Offshore Europe.

“Questo evento consentirà a tutta l’industria di ritrovarsi, di confrontarsi e discutere di ciò che è veramente rilevante per il settore” ha dichiarato Borrell. “Si parlerà dell’importanza di contenere i costi, investire sull’innovazione e focalizzarsi sull’eccellenza operativa”.

In particolare, Offshore Europe sarà un momento di confronto tra gli operatori attivi in un contesto particolarmente difficile come quello del Mare del Nord, “ma sarà fondamentale – ha assicurato Borrell – anche guardare alle migliori esperienze che vengono fatte in tutte le parti del mondo: è solo condividendo le best rpactices e aprendosi alle buone idee che possiamo davvero puntare all’eccellenza”.

Durante l’edizione 2017 di Offshore Europa hanno partecipato alla conferenza 36.000 persone, mentre gli espositori sono stati 900, provenienti da 130 Paesi diversi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...