venerdì, Aprile 23, 2021

NASCE L’EAST MEDITERRANEAN GAS FORUM: ITALIA TRA I PAESI FONDATORI

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’East Mediterranean Gas forum (Emgf), iniziativa promossa dall’Egitto per sfruttare i suoi impianti di rigassificcazione come snodo per l’export di gas naturale verso l’Europa, è ufficialmente diventato un’organizzazione internazionale, di cui l’Italia è uno dei Paesi fondatori.

Nei giorni scorsi infatti, durante un meeting al Cairo, l’Egitto, l’Italia, Israele, la Grecia, Cipro, l’Autorità nazionale palestinese e la Giordania hanno formato l’atto di costituzione dell’organizzazione, a cui presto dovrebbe aderire anche la Francia, che già avanzato una richiesta formale in tal senso.

“L’Italia è orgogliosa di far parte dell’East Mediterranean Gas Forum, un progetto che può accelerare la stabilizzazione e la condivisione delle competenze del gas nella regione”, ha dichiarato all’ agenzia di stampa ‘Agenzia Nova’ Alessandra Todde, sottosegretario di Stato allo Sviluppo economico, presente all’evento a nome del governo italiano.

Il forum Emgf – sempre secondo quanto riportato da Agenzia Nova – potrebbe dare inoltre nuovo impulso al progetto del gasdotto East-Med, che dovrebbe portare in Italia il gas di Cipro, Grecia ed Israele. I leader di questi tre paesi hanno firmato lo scorso 2 gennaio l’accordo per la costruzione della pipeline ad Atene. Lungo 2.100 chilometri e con un costo stimato di sei miliardi di euro, l’East-Med dovrebbe essere completato e attivato entro il 2025 per trasportare gas naturale da Israele all’Italia attraverso Cipro e Grecia.

Resta ovviamente esclusa dall’East Mediterranean Gas forum la Turchia, che vorrebbe porsi – in diretta concorrenza all’Egitto – come hub alternativo per il transito di gas della regione orientale del Mare Nostrum fino al cuore del Vecchio Continente. Ruolo che almeno in parte potrebbe riuscire ad assumere con la prossima entrata in funzione del gasdotto TurkStrem, che poterà il gas russo in Europa attraverso la Russia, e che Ankara vorrebbe cercare di consolidare scoprendo e sfruttando nuovi giacimenti di gas offshore proprio nel Mediterraneo Orientale.

E’ con questo scopo che è stato firmato il recente accordo con la Libia sulla ridefinizione delle Zone Economiche Esclusive, che creerebbe un corridoio marittimo tra i due Paesi (la cui validità è però stata subito messa in discussione a livello internazionale) in cui la Turchia potrebbe trivellare alla ricerca di gas, ma che ostacolerebbe – trovandosi in mezzo al suo ipotetico percorso – proprio la costruzione del gasdotto East Med.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...