martedì, Maggio 17, 2022

NASCE L’EAST MEDITERRANEAN GAS FORUM: ITALIA TRA I PAESI FONDATORI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

L’East Mediterranean Gas forum (Emgf), iniziativa promossa dall’Egitto per sfruttare i suoi impianti di rigassificcazione come snodo per l’export di gas naturale verso l’Europa, è ufficialmente diventato un’organizzazione internazionale, di cui l’Italia è uno dei Paesi fondatori.

Nei giorni scorsi infatti, durante un meeting al Cairo, l’Egitto, l’Italia, Israele, la Grecia, Cipro, l’Autorità nazionale palestinese e la Giordania hanno formato l’atto di costituzione dell’organizzazione, a cui presto dovrebbe aderire anche la Francia, che già avanzato una richiesta formale in tal senso.

“L’Italia è orgogliosa di far parte dell’East Mediterranean Gas Forum, un progetto che può accelerare la stabilizzazione e la condivisione delle competenze del gas nella regione”, ha dichiarato all’ agenzia di stampa ‘Agenzia Nova’ Alessandra Todde, sottosegretario di Stato allo Sviluppo economico, presente all’evento a nome del governo italiano.

Il forum Emgf – sempre secondo quanto riportato da Agenzia Nova – potrebbe dare inoltre nuovo impulso al progetto del gasdotto East-Med, che dovrebbe portare in Italia il gas di Cipro, Grecia ed Israele. I leader di questi tre paesi hanno firmato lo scorso 2 gennaio l’accordo per la costruzione della pipeline ad Atene. Lungo 2.100 chilometri e con un costo stimato di sei miliardi di euro, l’East-Med dovrebbe essere completato e attivato entro il 2025 per trasportare gas naturale da Israele all’Italia attraverso Cipro e Grecia.

Resta ovviamente esclusa dall’East Mediterranean Gas forum la Turchia, che vorrebbe porsi – in diretta concorrenza all’Egitto – come hub alternativo per il transito di gas della regione orientale del Mare Nostrum fino al cuore del Vecchio Continente. Ruolo che almeno in parte potrebbe riuscire ad assumere con la prossima entrata in funzione del gasdotto TurkStrem, che poterà il gas russo in Europa attraverso la Russia, e che Ankara vorrebbe cercare di consolidare scoprendo e sfruttando nuovi giacimenti di gas offshore proprio nel Mediterraneo Orientale.

E’ con questo scopo che è stato firmato il recente accordo con la Libia sulla ridefinizione delle Zone Economiche Esclusive, che creerebbe un corridoio marittimo tra i due Paesi (la cui validità è però stata subito messa in discussione a livello internazionale) in cui la Turchia potrebbe trivellare alla ricerca di gas, ma che ostacolerebbe – trovandosi in mezzo al suo ipotetico percorso – proprio la costruzione del gasdotto East Med.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...