martedì, Febbraio 7, 2023

ENI OPERATORE DI UN NUOVO BLOCCO OFFSHORE IN ANGOLA, IN JV CON SONANGOL

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Nell’ambito del Bid Round Competitivo 2019, procedura di gara per assegnare licenze esplorative per blocchi nei bacini di Namibe e Benguela, l’Eni ha ottenuto dalla concessionaria di Stato per i diritti minerari in Angola, ANPG, un licenza come operatore (col 60%) per il Blocco 28, nell’offshore del Paese africano.

L’Eni – spiega il ‘cane a sei zampe’ in una nota – svolgerà il ruolo di operatore nel blocco, situato nelle acque profonde dell’inesplorato Bacino del Namibe, lavorando insieme al partner locale Sonangol P&P, che avrà il 20% di interesse partecipativo. Il restante 20% sarà invece assegnato a un terzo partner nella finalizzazione del contratto.

L’aggiudicazione è avvenuta nell’ambito del primo Bid Round competitivo internazionale per l’attribuzione delle concessioni petrolifere messe in offerta secondo calendarizzazione da ANPG nel periodo 2019-2025.

Il blocco 28 è situato ad alcune decine di km dalla costa, con profondità d’acqua di tra 1.000 e 2.500 metri, in un bacino inesplorato.

L’Angola, dove Eni è presente dal 1980 e ha oggi una produzione equity pari a circa 145.000 barili di olio equivalente, si conferma essere un Paese chiave per la strategia di futura crescita organica della società.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...