domenica, Maggio 19, 2024

ENI OPERATORE DI UN NUOVO BLOCCO OFFSHORE IN ANGOLA, IN JV CON SONANGOL

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Nell’ambito del Bid Round Competitivo 2019, procedura di gara per assegnare licenze esplorative per blocchi nei bacini di Namibe e Benguela, l’Eni ha ottenuto dalla concessionaria di Stato per i diritti minerari in Angola, ANPG, un licenza come operatore (col 60%) per il Blocco 28, nell’offshore del Paese africano.

L’Eni – spiega il ‘cane a sei zampe’ in una nota – svolgerà il ruolo di operatore nel blocco, situato nelle acque profonde dell’inesplorato Bacino del Namibe, lavorando insieme al partner locale Sonangol P&P, che avrà il 20% di interesse partecipativo. Il restante 20% sarà invece assegnato a un terzo partner nella finalizzazione del contratto.

L’aggiudicazione è avvenuta nell’ambito del primo Bid Round competitivo internazionale per l’attribuzione delle concessioni petrolifere messe in offerta secondo calendarizzazione da ANPG nel periodo 2019-2025.

Il blocco 28 è situato ad alcune decine di km dalla costa, con profondità d’acqua di tra 1.000 e 2.500 metri, in un bacino inesplorato.

L’Angola, dove Eni è presente dal 1980 e ha oggi una produzione equity pari a circa 145.000 barili di olio equivalente, si conferma essere un Paese chiave per la strategia di futura crescita organica della società.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...