venerdì, Aprile 23, 2021

NEL 2018 E’ AUMENTATO IL COSTO DEL TRASPORTO DI GAS IN ITALIA VIA PIPELINE

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Nel 2018 trasportare gas naturale in Italia via pipeline è costato mediamente 22 euro a tonnellata, il 3,8% in più rispetto all’anno precedente.

A certificarlo è la Banca d’Italia, che nella sua indagine annuale sul trasporto merci (https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/indagine-trasporti-internazionali/2019-indagine-trasporti-internazionali/statistiche-ITM-20190620.pdf), dal 2016 analizza anche il trasporto di gas via condotte.

Riguardo la metodologia di raccolta delle informazioni, Bankitalia precisa che “mentre negli   anni   precedenti le informazioni provenivano direttamente dalle aziende del gruppo gestore dei metanodotti, l’apertura del mercato ha consentito a più operatori l’acquisto e il trasporto in Italia, rendendo necessario ampliare l’indagine anche a questo settore, comunque caratterizzato da una forte concentrazione”.

I costi presi in considerazione dal report “sono quelli sostenuti dal luogo di vendita (e non di produzione) del gas metano fino al punto di entrata in Italia, e tendono a rimanere fissi – spiega la Banca d’Italia nel suo dossier – a prescindere dalle quantità effettivamente importate (contratti di tipo take or pay). La variabilità dei costi unitari (in euro a tonnellata) dipende pertanto anche dai volumi trasportati rispetto a quelli contrattati”.

Nel dettaglio, l’unica voce ad essere in calo è quella relativa all’importazione di gas dalla Russia, che entra in Italia a Tarvisio (Udine) e il cui costo di trasporto lo scorso anno è stato pari a 10,2 euro a tonnellata, l’11% in meno rispetto al 2017.

In crescita invece il costo medio del trasporto di gas via pipeline da tutte le altre fonti di approvvigionamento utilizzate dal nostro Paese: 33,8 euro/tonnellata (+10,4%) per il prodotto algerino in entrata a Mazara del Vallo (Sicilia); 33 euro/tonnellata (+3,9%) per il gas libico che entra in Italia a Gela (Caltanissetta); 32,7 euro/tonnellata (+11,7%) per il gas naturale proveniente dall’Olanda in ingresso a Passo Gries (Verbano-Cusio-Ossola); 81,2 (+11,7%)euro per il gas norvegese, che entra anch’esso a Passo Gries.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...