mercoledì, Ottobre 27, 2021

NEL 2018 E’ AUMENTATO IL COSTO DEL TRASPORTO DI GAS IN ITALIA VIA PIPELINE

Must read

Dopo oltre dieci anni, il Messico riprende l’esportazione di diesel

Attraverso un nuovo comunicato stampa Pemex afferma di aver ripreso le esportazioni di diesel dopo aver sospeso questa attività più di 11 anni fa. Pemex,...

Colombia. Ecopetrol inaugura un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a gas

La compagnia petrolifera Ecopetrol ha comunicato di aver messo in funzione nella città di Meta un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a...

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

Nel 2018 trasportare gas naturale in Italia via pipeline è costato mediamente 22 euro a tonnellata, il 3,8% in più rispetto all’anno precedente.

A certificarlo è la Banca d’Italia, che nella sua indagine annuale sul trasporto merci (https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/indagine-trasporti-internazionali/2019-indagine-trasporti-internazionali/statistiche-ITM-20190620.pdf), dal 2016 analizza anche il trasporto di gas via condotte.

Riguardo la metodologia di raccolta delle informazioni, Bankitalia precisa che “mentre negli   anni   precedenti le informazioni provenivano direttamente dalle aziende del gruppo gestore dei metanodotti, l’apertura del mercato ha consentito a più operatori l’acquisto e il trasporto in Italia, rendendo necessario ampliare l’indagine anche a questo settore, comunque caratterizzato da una forte concentrazione”.

I costi presi in considerazione dal report “sono quelli sostenuti dal luogo di vendita (e non di produzione) del gas metano fino al punto di entrata in Italia, e tendono a rimanere fissi – spiega la Banca d’Italia nel suo dossier – a prescindere dalle quantità effettivamente importate (contratti di tipo take or pay). La variabilità dei costi unitari (in euro a tonnellata) dipende pertanto anche dai volumi trasportati rispetto a quelli contrattati”.

Nel dettaglio, l’unica voce ad essere in calo è quella relativa all’importazione di gas dalla Russia, che entra in Italia a Tarvisio (Udine) e il cui costo di trasporto lo scorso anno è stato pari a 10,2 euro a tonnellata, l’11% in meno rispetto al 2017.

In crescita invece il costo medio del trasporto di gas via pipeline da tutte le altre fonti di approvvigionamento utilizzate dal nostro Paese: 33,8 euro/tonnellata (+10,4%) per il prodotto algerino in entrata a Mazara del Vallo (Sicilia); 33 euro/tonnellata (+3,9%) per il gas libico che entra in Italia a Gela (Caltanissetta); 32,7 euro/tonnellata (+11,7%) per il gas naturale proveniente dall’Olanda in ingresso a Passo Gries (Verbano-Cusio-Ossola); 81,2 (+11,7%)euro per il gas norvegese, che entra anch’esso a Passo Gries.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dopo oltre dieci anni, il Messico riprende l’esportazione di diesel

Attraverso un nuovo comunicato stampa Pemex afferma di aver ripreso le esportazioni di diesel dopo aver sospeso questa attività più di 11 anni fa. Pemex,...

Colombia. Ecopetrol inaugura un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a gas

La compagnia petrolifera Ecopetrol ha comunicato di aver messo in funzione nella città di Meta un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a...

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...