giovedì, Ottobre 6, 2022

NEL 2018 E’ AUMENTATO IL COSTO DEL TRASPORTO DI GAS IN ITALIA VIA PIPELINE

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Nel 2018 trasportare gas naturale in Italia via pipeline è costato mediamente 22 euro a tonnellata, il 3,8% in più rispetto all’anno precedente.

A certificarlo è la Banca d’Italia, che nella sua indagine annuale sul trasporto merci (https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/indagine-trasporti-internazionali/2019-indagine-trasporti-internazionali/statistiche-ITM-20190620.pdf), dal 2016 analizza anche il trasporto di gas via condotte.

Riguardo la metodologia di raccolta delle informazioni, Bankitalia precisa che “mentre negli   anni   precedenti le informazioni provenivano direttamente dalle aziende del gruppo gestore dei metanodotti, l’apertura del mercato ha consentito a più operatori l’acquisto e il trasporto in Italia, rendendo necessario ampliare l’indagine anche a questo settore, comunque caratterizzato da una forte concentrazione”.

I costi presi in considerazione dal report “sono quelli sostenuti dal luogo di vendita (e non di produzione) del gas metano fino al punto di entrata in Italia, e tendono a rimanere fissi – spiega la Banca d’Italia nel suo dossier – a prescindere dalle quantità effettivamente importate (contratti di tipo take or pay). La variabilità dei costi unitari (in euro a tonnellata) dipende pertanto anche dai volumi trasportati rispetto a quelli contrattati”.

Nel dettaglio, l’unica voce ad essere in calo è quella relativa all’importazione di gas dalla Russia, che entra in Italia a Tarvisio (Udine) e il cui costo di trasporto lo scorso anno è stato pari a 10,2 euro a tonnellata, l’11% in meno rispetto al 2017.

In crescita invece il costo medio del trasporto di gas via pipeline da tutte le altre fonti di approvvigionamento utilizzate dal nostro Paese: 33,8 euro/tonnellata (+10,4%) per il prodotto algerino in entrata a Mazara del Vallo (Sicilia); 33 euro/tonnellata (+3,9%) per il gas libico che entra in Italia a Gela (Caltanissetta); 32,7 euro/tonnellata (+11,7%) per il gas naturale proveniente dall’Olanda in ingresso a Passo Gries (Verbano-Cusio-Ossola); 81,2 (+11,7%)euro per il gas norvegese, che entra anch’esso a Passo Gries.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...