giovedì, Gennaio 20, 2022

NORD STREAM 2: META’ DEL GASDOTTO SARA’ FINANZIATO DA 5 MAJOR EUROPEE

Must read

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Circa la metà dei 9,5 miliardi di euro necessari a finanziare la costruzione del Nord Stream 2, il gasdotto che affiancherà la condotta già esistente tra Russia e Nord Europa, sui fondali del Mar Baltico, saranno garantiti da cinque compagnie energetiche europee.

Nord Stream 2 AG, la società svizzera che ha in capo la realizzazione dell’infrastruttura, ha recentemente firmato contratti per finanziamenti a lungo termine con la francese Engie, l’austriaca Omv, l’anglo-olandese Shell e le tedesche Uniper e Wintershall, che complessivamente si impegnano, con varie formule, a fornire capitali per 4,5 miliardi di euro (circa 950 milioni ciascuna) necessari a coprire la metà del costo complessivo del Nord Stream 2, che dovrebbe essere operativo a partire dal 2019 con una capacità annua di 55 miliardi di metri cubi di gas.

Le 5 major europee erano tutte azioniste della stessa Nord Stream 2 AG insieme alla russa Gazprom, che però oggi resta l’unica socia dopo che la scorsa estate sotto pressione di Bruxelles e di alcuni paesi membri dell’Europa dell’Est – contrari al progetto – le aziende del Vecchio Continente erano state costrette ad uscire dalla compagine azionaria.

Al momento non è chiaro cosa Engie, Omv, Shell, Uniper e Wintershall ricaveranno in cambio del sostegno finanziario garantito a Nord Stream 2, che comunque resterà controllata al 100% da Gazprom, ma secondo molti analisti la mossa delle 5 corporation avrebbe l’obbiettivo dichiarato di forzare il blocco imposto dall’UE, e di ribadire – cosa peraltro fatta apertamente dai vertici di queste società – l’importanza strategica dell’opera per il mercato europeo del gas.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Messico. Pemex riceverà le chiavi di Deer Park il 20 gennaio

Petróleos Mexicanos (Pemex) assumerà il controllo della raffineria di Deer Park, situata in Texas il 20 gennaio, questo è quanto emerge dalla chiusura dell'accordo...