lunedì, Marzo 1, 2021

NORD STREAM 2: META’ DEL GASDOTTO SARA’ FINANZIATO DA 5 MAJOR EUROPEE

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Circa la metà dei 9,5 miliardi di euro necessari a finanziare la costruzione del Nord Stream 2, il gasdotto che affiancherà la condotta già esistente tra Russia e Nord Europa, sui fondali del Mar Baltico, saranno garantiti da cinque compagnie energetiche europee.

Nord Stream 2 AG, la società svizzera che ha in capo la realizzazione dell’infrastruttura, ha recentemente firmato contratti per finanziamenti a lungo termine con la francese Engie, l’austriaca Omv, l’anglo-olandese Shell e le tedesche Uniper e Wintershall, che complessivamente si impegnano, con varie formule, a fornire capitali per 4,5 miliardi di euro (circa 950 milioni ciascuna) necessari a coprire la metà del costo complessivo del Nord Stream 2, che dovrebbe essere operativo a partire dal 2019 con una capacità annua di 55 miliardi di metri cubi di gas.

Le 5 major europee erano tutte azioniste della stessa Nord Stream 2 AG insieme alla russa Gazprom, che però oggi resta l’unica socia dopo che la scorsa estate sotto pressione di Bruxelles e di alcuni paesi membri dell’Europa dell’Est – contrari al progetto – le aziende del Vecchio Continente erano state costrette ad uscire dalla compagine azionaria.

Al momento non è chiaro cosa Engie, Omv, Shell, Uniper e Wintershall ricaveranno in cambio del sostegno finanziario garantito a Nord Stream 2, che comunque resterà controllata al 100% da Gazprom, ma secondo molti analisti la mossa delle 5 corporation avrebbe l’obbiettivo dichiarato di forzare il blocco imposto dall’UE, e di ribadire – cosa peraltro fatta apertamente dai vertici di queste società – l’importanza strategica dell’opera per il mercato europeo del gas.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...