giovedì, Febbraio 29, 2024

L’UE CO-FINANZIA LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO GASDOTTO TRA ITALIA E MALTA

Must read

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La Commissione Europea ha deciso di stanziare 600.000 euro per co-finanziare, al 60%, lo studio di fattibilità di un nuovo hub del GNL a Malta.

Il progetto, sostenuto dal Governo dell’isola mediterranea, prevede la costruzione di impianti per il bunkeraggio navale alle unità che operano nei porti di La Valletta e Marsaxlokk, ma anche l’installazione di una Floating Storage and Rigassification Unit (FSUR), ovvero di un rigassificatore offshore, e la costruzione di un gasdotto che, percorrendo il fondale marino, collegherà il nuovo impianto maltese con la Sicilia.

Il finanziamento europeo rientra in una più ampia dotazione di fondi, derivanti dal programma CEF (Connecting Europe Facility), che la Commissione Europea ha deciso di stanziare a favore dell’integrazione tra industria energetica e trasporti: “I trasporti europei dipendono ancora dal petrolio per il 94% del loro fabbisogno energetico. Per questo abbiamo deciso di finanziare progetti mirati a sviluppare l’utilizzo di fonti energetiche alternative” ha commentato in una nota la Commissaria UE ai Trasporti Violeta Bulc.

In totale Bruxelles ha stanziato 22,2 milioni di euro, suddivisi in vari interventi, tra cui – oltre a quello che coinvolgerà Italia e Malta – molti altri riguardano l’utilizzo del GNL come carburante navale, sia nel Mediterraneo, come a Cipro, dove l’Europa stanzierà quasi 5 milioni di euro per la realizzazione di una nuova infrastruttura dedicata al gas liquido, sia in Nord Europa, dove si lavora, sempre col sostegno finanziario delle istituzioni comunitarie, ad un nuovo collegamento marittimo per GNL in tank-tainer tra il porto belga di Zeebrugge e quello svedese di Goteborg, dovrà sorgerà anche una nuova stazione di rifornimento per le navi ad alimentazione ibrida.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...