venerdì, Agosto 6, 2021

NUOVA SCOPERTA DI ENI NELL’OFFSHORE DEL GHANA

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Eni ha recentemente annunciato che il pozzo Eban 1X, il secondo perforato nel blocco CTP 4 insieme ad Akoma, ha effettuato una significativa scoperta di petrolio, le cui stime preliminari, prendendo in considerazione entrambi i pozzi, si aggirano tra i 500 e 700 milioni di barili di idrocarburi in posto.

Il pozzo esplorativo Eban si trova nell’Offshore del Ghana a circa 8 chilometri a nord-ovest dall’hub produttivo di Sankofa ed è stato realizzato dalla nave Saipem 10000, raggiungendo una profondità totale di ben 4179 metri.

Qui la nuova scoperta è stata valutata attraverso analisi approfondite dei dati sismici 3D e dall’acquisizione dei dati in pozzo, comprendenti campionamenti dei fluidi e misure di pressione, tramite tecnologie avanzate. I dati ottenuti dai test mostrano una produttività stimata intorno ai 5.000 barili/giorno, in linea con la media dei pozzi di Sankofa.

Tra il campo Sankofa e il sistema Eban-Akoma, gli idrocarburi in posto sono stimati in oltre 1,1 miliardi di barili di petrolio equivalente, con un possibile ulteriore potenziale ancora da verificare.

Grazie alla sua vicinanza con le infrastrutture produttive preesistenti, la nuova scoperta sarà facilmente portata ,tramite un collegamento sottomarino, all’unità galleggiante di produzione e stoccaggio “John Agyekum Kufuor” (FPSO).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...