venerdì, Gennaio 27, 2023

NUOVA SCOPERTA DI ENI NELL’OFFSHORE DEL GHANA

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

Eni ha recentemente annunciato che il pozzo Eban 1X, il secondo perforato nel blocco CTP 4 insieme ad Akoma, ha effettuato una significativa scoperta di petrolio, le cui stime preliminari, prendendo in considerazione entrambi i pozzi, si aggirano tra i 500 e 700 milioni di barili di idrocarburi in posto.

Il pozzo esplorativo Eban si trova nell’Offshore del Ghana a circa 8 chilometri a nord-ovest dall’hub produttivo di Sankofa ed è stato realizzato dalla nave Saipem 10000, raggiungendo una profondità totale di ben 4179 metri.

Qui la nuova scoperta è stata valutata attraverso analisi approfondite dei dati sismici 3D e dall’acquisizione dei dati in pozzo, comprendenti campionamenti dei fluidi e misure di pressione, tramite tecnologie avanzate. I dati ottenuti dai test mostrano una produttività stimata intorno ai 5.000 barili/giorno, in linea con la media dei pozzi di Sankofa.

Tra il campo Sankofa e il sistema Eban-Akoma, gli idrocarburi in posto sono stimati in oltre 1,1 miliardi di barili di petrolio equivalente, con un possibile ulteriore potenziale ancora da verificare.

Grazie alla sua vicinanza con le infrastrutture produttive preesistenti, la nuova scoperta sarà facilmente portata ,tramite un collegamento sottomarino, all’unità galleggiante di produzione e stoccaggio “John Agyekum Kufuor” (FPSO).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...