giovedì, Luglio 7, 2022

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Must read

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021.

I ricavi sono scesi a 5,5 miliardi, rispetto a 6,7 miliardi nello stesso periodo del 2020.

Vicki Hollub, CEO di Oxy, ha affermato che: “Il nostro impegno per la disciplina del capitale ha contribuito al flusso di cassa di 1,6 miliardi. La nostra compagnia è ben posizionata per continuare a utilizzare il flusso di cassa in eccesso, insieme ai proventi della vendita di attivi, che ci hanno permesso di ridurre il debito e rispondere ad altri obblighi finanziari“.

Una delle compagnie piú importanti che si dedica alle attività di esplorazione e produzione petrolifera dal 1920, cerca di affrontare agli effetti della pandemia grazie ad alcuni profitti che emergono per la prima volta da quando il mercato petrolifero è crollato.

Hollub ha affermato durante la conferenza stampa, che i prezzi più alti del petrolio e del gas naturale hanno contribuito a contenere le perdite. Il prezzo medio globale del petrolio greggio di Oxy è aumentato del 37% dal quarto trimestre arrivando a 55,65 dollari al barile nel primo trimestre.

Oxy, che ha venduto una serie di attivi per ripagare il proprio debito, ha dichiarato di aver ottenuto un profitto di 79 milioni di dollari durante il primo trimestre dalla vendita di 11,5 milioni di azioni dei soci in Western Midstream Partners. La società ha riferito di avere quasi 35,5 miliardi di dollari di debito a lungo termine derivato dall’acquisizione di Anadarko Petroleum nel 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...