mercoledì, Maggio 18, 2022

Pemex, aumentano gli investimenti per l’upstream

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

La compagnia statale messicana Pemex ha ottenuto il via libera dall’ente regolatore del settore idrocarburi (CNH) per modificare il programma di sviluppo nel giacimento offshore di Etkal.

Attualmente in questa area, che ha una superficie di 56 km2, si trovano quattro pozzi attivi che producono gas e liquidi associati. Scoperto nel 2004 e produttivo dal 2016, il giacimento di Etkal attualmente produce 52 milioni di piedi cubi al giorno di gas naturale e 4000 barili al giorno di petrolio, ma in base agli studi di esplorazione, il suo potenziale è molto maggiore e per questo sono necessari nuovi investimenti per aumentare la produzione.

Con questa modifica si darebbe inizio alla perforazione di due nuovi pozzi entro i prossimi sei mesi, ma il vero obiettivo finale di Pemex è quello di sfruttare le riserve calcolate in 9,9 milioni di barili di petrolio e 128.000 milioni di piedi cubi di gas naturale a breve termine.

Questo nuovo investimento è stato possibile grazie all’aumento degli utili netti confermati la settimana scorsa e che riguardano il periodo del terzo e quarto trimestre del 2020, risorse economiche che hanno permesso di aumentare gli investimenti nei progetti di esplorazione e produzione senza ricorrere all’intervento delle multinazionali estere.

Anche grazie alla riduzione del 20,7% nei costi di estrazione, passati da 14 dollari al barile del 2019 a 11,15 dollari nel 2020, Pemex ha risparmiato un ingente capitale dopo quattro anni di pesanti deficit.

Alla base di questo importante risparmio operativo c’è anche l’approvazione delle nuove norme anti corruzione entrate in vigore nella seconda metà dell’anno scorso, che hanno permesso di risparmiare anche in termini di prezzi e tariffe per i servizi di logistica utilizzati nell’esplorazione di nuovi giacimenti. Senza la caduta dei consumi e dei prezzi del petrolio generati dal Covid, la produzione di Pemex avrebbe raggiunto una media di 1,7 milioni di barili al giorno, registrando così un aumento di 31.000 barili rispetto al 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...