venerdì, Maggio 20, 2022

PER SAIPEM CONCORRENZA INTERNAZIONALE SEMPRE PIU’ AGGUERRITA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il prezzo del petrolio inizia a salire, ma le cose per Saipem potrebbero non diventare più facili, anzi. Il contractor italiano è infatti alle prese con una concorrenza internazionale sempre più ampia e aggressiva, secondo una recente analisi redatta da Mediobanca e riportata dal quotidiano finanziario MF.

A tale proposito, l’istituto di Piazzetta Cuccia cita un recente contratto del valore di 750 milioni di dollari per l’installazione della parte sottomarina del progetto Tortue, nell’offshore della Mauritania e del Senegal, che BP avrebbe affidato ad una cordata formata da Mcdermott e GE. Quest’ultima si sarebbe imposta superando le altre offerte, presentate da 3 diverse cordate: OneSubsea/Subsea7, TechnipFMC e appunto Aker Solutions/Saipem.

In fermento anche il mercato dei servizi offshore in Arabia Saudita. Secondo l’articolo di MF, che cita sempre come fonte lo studio di Mediobanca, Saudi Aramco avrebbe intenzione di ampliare il numero di EPC contractor con cui la corporation statale intrattiene rapporti commerciali regolari, in vista dell’aumento dei progetti in ambito oil&gas. Ma il fattore determinante – secondo la banca d’affari italiana – sarà capire quale sarà la reale consistenza dei budget 2018 delle oil major per nuovi progetti, che dovrebbero essere svelati nelle prossime settimane.

Alla luce di tale scenario, comunque, le previsioni di Mediobanca riguardo Saipem non sono ottimistiche: l’istituto milanese ritiene infatti elevato il rischio che l’anno appena iniziato possa rivelarsi un altro anno di bassa raccolta di nuovi contratti per il gruppo di San Donato.  “Con un portafoglio ordini 2018 da 5,8 miliardi di euro alla fine del terzo trimestre 2017 – scrive infatti Mediobanca – prevediamo che i ricavi del gruppo scenderanno dell’11% nel 2018, rispetto al 2017, a 8,2 miliardi di euro, con un conseguente impatto sulle nostre stime di Ebitda 2018 che vediamo in calo del 20% a circa 800 milioni di euro”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...