lunedì, Marzo 1, 2021

PO VALLEY ANNUNCIA LA SCOPERTA DI GAS NEL GIACIMENTO ITALIANO SELVA

Must read

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

PO Valley, gruppo energetico australiano quotato alla Borsa di Sydney e attivo nell’industria oil&gas con diversi asset nel Nord Italia, ha confermato la scoperta di gas nel giacimento Selva, in Emilia-Romagna.

Il pozzo Podere Maiar 1, scavato nelle scorse settimane, ha infatti incontrato “un forte flusso di gas”, confermando il valore commerciale di questa iniziativa, avviata da PO nell’ambito di un’area ancora non sfruttata del Selva, storico giacimento dell’Eni nella Pianura Padana. Il gruppo australiano, convinto dopo le proprie ricerche che nella zona fossero presenti riserve di gas per 481 milioni di metri, aveva infatti ottenuto la concessione Podere Gallina (che copre una superficie di 332 Km2 ubicata in Emilia Romagna, tra le province di Ferrara e Bologna), di cui la stessa PO detiene il 63% delle quote, mentre il 20% è stato ceduto a United Oil and Gas e un altro 17% a Prospex Oil and Gas.

Nel frattempo PO Valley ha anche messo a punto una riorganizzazione dei propri asset: tutte le proprietà, le concessioni e i permessi detenuti in Italia passeranno infatti sotto il diretto controllo della società britannica (quotata a Londra) Saffron Energy, il cui 54% è comunque in mano alla stessa PO. L’operazione di concentrazione, annunciata da Saffron tramite il suo profilo Twitter, riguarderà anche tutti gli asset italiani dell’altra società britannica Sound Energy, che cederà a PO la sua controllata Sound Energy Holdings Italy Limited (“SEHIL”).

Saffron ha annunciato che sono stati stretti accordi vincolanti per procedere con questa operazione di concentrazione, al termine della quale verrà anche adottata la nuova denominazione di Coro Energy.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...