giovedì, Maggio 13, 2021

PO VALLEY ANNUNCIA LA SCOPERTA DI GAS NEL GIACIMENTO ITALIANO SELVA

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

PO Valley, gruppo energetico australiano quotato alla Borsa di Sydney e attivo nell’industria oil&gas con diversi asset nel Nord Italia, ha confermato la scoperta di gas nel giacimento Selva, in Emilia-Romagna.

Il pozzo Podere Maiar 1, scavato nelle scorse settimane, ha infatti incontrato “un forte flusso di gas”, confermando il valore commerciale di questa iniziativa, avviata da PO nell’ambito di un’area ancora non sfruttata del Selva, storico giacimento dell’Eni nella Pianura Padana. Il gruppo australiano, convinto dopo le proprie ricerche che nella zona fossero presenti riserve di gas per 481 milioni di metri, aveva infatti ottenuto la concessione Podere Gallina (che copre una superficie di 332 Km2 ubicata in Emilia Romagna, tra le province di Ferrara e Bologna), di cui la stessa PO detiene il 63% delle quote, mentre il 20% è stato ceduto a United Oil and Gas e un altro 17% a Prospex Oil and Gas.

Nel frattempo PO Valley ha anche messo a punto una riorganizzazione dei propri asset: tutte le proprietà, le concessioni e i permessi detenuti in Italia passeranno infatti sotto il diretto controllo della società britannica (quotata a Londra) Saffron Energy, il cui 54% è comunque in mano alla stessa PO. L’operazione di concentrazione, annunciata da Saffron tramite il suo profilo Twitter, riguarderà anche tutti gli asset italiani dell’altra società britannica Sound Energy, che cederà a PO la sua controllata Sound Energy Holdings Italy Limited (“SEHIL”).

Saffron ha annunciato che sono stati stretti accordi vincolanti per procedere con questa operazione di concentrazione, al termine della quale verrà anche adottata la nuova denominazione di Coro Energy.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...