venerdì, Gennaio 21, 2022

PETROLIO: L’ENI SOSPENDE LE ATTIVITA’ IN VAL D’AGRI

Must read

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

L’Eni ha formalmente annunciato, con un proprio comunicato stampa, di aver deciso la chiusura temporanea del Centro Olio Val d’Agri e di aver conseguentemente dato avvio alle procedure per il fermo dell’impianto.

La decisione, spiega la stessa corporation di San Donato Milanese, è stata presa nel rispetto delle posizioni espresse dal territorio, dal Presidente della Regione e dalla Giunta Regionale.

La Regione Basilicata aveva infatti emesso una nota nei giorni precedenti, in cui informava di aver deliberato la sospensione delle attività di Eni nell’area, poiché l’azienda avrebbe accumulato inadempienze a ritardi nell’adeguarsi alle prescrizioni regionali, in conseguenza dei quali sarebbero stati generati effetti inquinanti sul territorio esterno all’impianto, rilevati dall’agenzia Arpab.

L’Eni, pur ribadendo di aver adempiuto a tutte le prescrizioni imposte dagli enti competenti, che sono sempre stati tenuti informati sulle attività di intervento e di monitoraggio ambientale in corso, ha quindi proceduto a tradurre in pratica la decisione della Regione, aggiungendo poi che durante la chiusura, l’azienda proseguirà con le verifiche necessarie a rassicurare gli stakeholder sulla correttezza ed efficacia del proprio operato, l’integrità dell’impianto e la presenza di tutte le condizioni di sicurezza per lo svolgimento delle attività di esercizio.

Il Centro Oli Val d’Agri, a Viggiano, in provincia di Potenza, ha una capacità produttiva di circa 75.000 barili di greggio al giorno

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...