mercoledì, Maggio 25, 2022

Prezzo del gasolio in aumento, pescherecci fermi in Liguria

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

E’ caos nei porti Liguri in seguito all’aumento del prezzo del gasolio, passato dallo 0,40 euro dello scorso anno a marzo, allo 0,967 euro di questi ultimi giorni.

Augusto Comes, Presidente di Federcoopesca Liguria, ha dichiarato:”Con il gasolio a un euro al litro la pesca professionale è finita. La pesca al pari dell’agricoltura ha resistito in questi anni – spiega Comes– proprio per il prezzo calmierato del gasolio. Ora la situazione è drammatica soprattutto per la pesca a strascico che richiede motori sotto sforzo per un minimo di 10/12 ore al giorno con consumi che con il prezzo odierno sarebbero di oltre 500 euro al giorno“.

A Sestri Levante, una delle marinerie più importanti della regione, e Lavagna alcuni pescherecci sono comunque usciti in mare mentre a La Spezia l’adesione allo sciopero di una settimana è stata totale.

Michele Pisani, in rappresentanza della flotta spezzina, ha commentato: “Lo paghiamo il doppio rispetto all’anno scorso, in pratica ciò che guadagniamo andando per mare finisce al distributore. Quando va bene facciamo un margine di mille euro a settimana a barca, ma poi ci devi pagare la manutenzione, i contributi, le tasse… non rimane niente“.

OilGasNews Vi invita alla seconda edizione di PIPELINE & GAS EXPO, la prima mostra-convegno Italiana dedicata interamente ai settori del mid-stream e delle reti distributive GAS, OIL & WATER. A Piacenza Expo, dal 8 al 10 Giugno 2022.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...