domenica, Settembre 25, 2022

PRODUZIONE NAZIONALE DI IDROCARBURI: STABILE IL GREGGIO, IN CONTINUO CALO IL GAS

Must read

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Nell’ultimo ventennio la produzione italiana di idrocarburi è sensibilmente calata, con notevoli differenze riscontrabili però tra le serie storiche riferite a petrolio e gas naturale.

Secondo i dati contenuti nel ‘Data Book 2020’ recentemente diffuso dall’Unione Petrolifera, infatti, la produzione nazionale di greggio è rimasta tutto sommato stabile, su livelli piuttosto contenuti, passando dai 4,64 milioni di tonnellate del 2000 ai 4,67 milioni di tonnellate del 2018, con un picco di 6 milioni di tonnellate toccato nel 2005.

Ben diverso il discorso relativo al gas naturale: la produzione tricolore è infatti calata dai 17,2 miliardi di metri cubi del 2000 fino ai 5,4 miliardi di metri cubi del 2018. E visto che la disponibilità annua è sempre rimasta stabile a poco più di 73 miliardi di metri cubi, è evidente che nello stesso intervallo sono aumentate, e di molto, le importazioni da fonti estere.

Una dinamica che ha mutato anche la composizione dell’import di gas, in relazione alle fonti di approvvigionamento: l’area ex-Urss, Russia in primis ovviamente, è passata dal fornire all’Italia 21 miliardi di metri cubi nel 2000 a fornirne 32,4 miliardi di metri cubi nel 2018. Parallelamente invece la importazioni italiane di gas dall’Algeria sono diminuite dai 28,1 miliardi di metri cubi del 2000 ai 18 miliardi di metri cubi nel 2018. In crescita anche gli approvvigionamenti da Qatar e Libia, entrambi a zero nel 2000 e rispettivamente pari a 6,5 e 4,5 miliardi di metri cubi nel 2018.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Pemex aiuterà a spegnere l’incendio del serbatoio di stoccaggio di petrolio a Cuba

Per ordine del Presidente del Messico, il personale specializzato della compagnia Pemex si è recato a Cuba per aiutare a estinguere l'incendio causato venerdì...