venerdì, Maggio 20, 2022

RAPITI 4 TECNICI IN LIBIA: NOC COSTRETTA A CHIUDERE IL GIACIMENTO EL SHARARA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Non c’è pace per l’industria petrolifera libica: la compagnia locale NOC (National Oil Company) è infatti stata costretta a sospendere nuovamente le attività del giacimento El Sharara, dopo il rapimento di 4 tecnici da parte di un gruppo armato.

Secondo le notizie circolate sulle agenzie di stampa, con una nota ufficiale NOC avrebbe confermato il rapimento di 4 dipendenti della società Akakus – joint-venture tra la stessa National Oil Company, Total, Repsol, Statoil e Omv – che lavoravano presso la stazione 186 del giacimento petrolifero di El Sharara, nella Libia sudoccidentale. Due sequestrati sarebbero già stati rilasciati, mentre altri due sarebbero ancora nelle mani dei rapitori.

Il Consiglio di Amministrazione di Akakus sta seguendo da vicino l’evolversi della vicenda, in stretto contatto con le autorità locali, mentre Presidente e Direttore generale della compagnia si stanno recando sul luogo del sequestro.

Per ragioni di sicurezza NOC ha deciso di chiudere tutti i pozzi nell’area circostante il luogo del rapimento, precauzione che causerà una perdita di produzione giornaliera di circa 160.000 barili.

El Sharara, situato nel deserto del Murzuq, nella Libia sud-occidentale, è stato scoperto nel 1980 ed è il più rande giacimento petrolifero del Paese nordafricano.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...