venerdì, Maggio 14, 2021

RAPITI 4 TECNICI IN LIBIA: NOC COSTRETTA A CHIUDERE IL GIACIMENTO EL SHARARA

Must read

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

Non c’è pace per l’industria petrolifera libica: la compagnia locale NOC (National Oil Company) è infatti stata costretta a sospendere nuovamente le attività del giacimento El Sharara, dopo il rapimento di 4 tecnici da parte di un gruppo armato.

Secondo le notizie circolate sulle agenzie di stampa, con una nota ufficiale NOC avrebbe confermato il rapimento di 4 dipendenti della società Akakus – joint-venture tra la stessa National Oil Company, Total, Repsol, Statoil e Omv – che lavoravano presso la stazione 186 del giacimento petrolifero di El Sharara, nella Libia sudoccidentale. Due sequestrati sarebbero già stati rilasciati, mentre altri due sarebbero ancora nelle mani dei rapitori.

Il Consiglio di Amministrazione di Akakus sta seguendo da vicino l’evolversi della vicenda, in stretto contatto con le autorità locali, mentre Presidente e Direttore generale della compagnia si stanno recando sul luogo del sequestro.

Per ragioni di sicurezza NOC ha deciso di chiudere tutti i pozzi nell’area circostante il luogo del rapimento, precauzione che causerà una perdita di produzione giornaliera di circa 160.000 barili.

El Sharara, situato nel deserto del Murzuq, nella Libia sud-occidentale, è stato scoperto nel 1980 ed è il più rande giacimento petrolifero del Paese nordafricano.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...