mercoledì, Agosto 4, 2021

RAPITI 4 TECNICI IN LIBIA: NOC COSTRETTA A CHIUDERE IL GIACIMENTO EL SHARARA

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Non c’è pace per l’industria petrolifera libica: la compagnia locale NOC (National Oil Company) è infatti stata costretta a sospendere nuovamente le attività del giacimento El Sharara, dopo il rapimento di 4 tecnici da parte di un gruppo armato.

Secondo le notizie circolate sulle agenzie di stampa, con una nota ufficiale NOC avrebbe confermato il rapimento di 4 dipendenti della società Akakus – joint-venture tra la stessa National Oil Company, Total, Repsol, Statoil e Omv – che lavoravano presso la stazione 186 del giacimento petrolifero di El Sharara, nella Libia sudoccidentale. Due sequestrati sarebbero già stati rilasciati, mentre altri due sarebbero ancora nelle mani dei rapitori.

Il Consiglio di Amministrazione di Akakus sta seguendo da vicino l’evolversi della vicenda, in stretto contatto con le autorità locali, mentre Presidente e Direttore generale della compagnia si stanno recando sul luogo del sequestro.

Per ragioni di sicurezza NOC ha deciso di chiudere tutti i pozzi nell’area circostante il luogo del rapimento, precauzione che causerà una perdita di produzione giornaliera di circa 160.000 barili.

El Sharara, situato nel deserto del Murzuq, nella Libia sud-occidentale, è stato scoperto nel 1980 ed è il più rande giacimento petrolifero del Paese nordafricano.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...