martedì, Marzo 2, 2021

RAPITI 4 TECNICI IN LIBIA: NOC COSTRETTA A CHIUDERE IL GIACIMENTO EL SHARARA

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Non c’è pace per l’industria petrolifera libica: la compagnia locale NOC (National Oil Company) è infatti stata costretta a sospendere nuovamente le attività del giacimento El Sharara, dopo il rapimento di 4 tecnici da parte di un gruppo armato.

Secondo le notizie circolate sulle agenzie di stampa, con una nota ufficiale NOC avrebbe confermato il rapimento di 4 dipendenti della società Akakus – joint-venture tra la stessa National Oil Company, Total, Repsol, Statoil e Omv – che lavoravano presso la stazione 186 del giacimento petrolifero di El Sharara, nella Libia sudoccidentale. Due sequestrati sarebbero già stati rilasciati, mentre altri due sarebbero ancora nelle mani dei rapitori.

Il Consiglio di Amministrazione di Akakus sta seguendo da vicino l’evolversi della vicenda, in stretto contatto con le autorità locali, mentre Presidente e Direttore generale della compagnia si stanno recando sul luogo del sequestro.

Per ragioni di sicurezza NOC ha deciso di chiudere tutti i pozzi nell’area circostante il luogo del rapimento, precauzione che causerà una perdita di produzione giornaliera di circa 160.000 barili.

El Sharara, situato nel deserto del Murzuq, nella Libia sud-occidentale, è stato scoperto nel 1980 ed è il più rande giacimento petrolifero del Paese nordafricano.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...