sabato, Febbraio 4, 2023

ROSNEFT: MOSCA AVREBBE CEDUTO IL CONTROLLO FORMALE SCENDENDO SOTTO IL 50% DEL CAPITALE

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Secondo quanto riferito da fonti confidenziali all’agenzia di stampa Reuters, il Governo russo avrebbe ceduto una quota di Rosneft, portandosi al di sotto del 50% nel capitale del colosso petrolifero e quindi perdendo, almeno formalmente, il controllo sulla corporation i cui altri principali azionisti sono BP, con il 19,75% delle quote, e Qatar Investment Authority (QIA), tramite QH Oil Investments LLC, con il18,93%.

Rosneft, che è il principale produttore di petrolio della Russia, già nei giorni scorsi aveva rivelato di aver ceduto tutti i propri asset detenuti in Venezuela ad una società veicolo controllata direttamente dal Cremlino. In cambio, lo Stato russo avrebbe girato a Rosfnet il 9,6% del suo stesso capitale, scendendo al di sotto del 50% nell’azionariato dell’azienda guidata dall’Amministratore delegato Igor Sechin. Prima di questa operazione – che, tra i vari effetti, secondo la Reuters dovrebbe consentire a Rosneft di limitare il rischio di sanzioni americane in un periodo di forte tensione tra USA, Arabia Saudita e Russia proprio in tema di produzione petrolifera – Mosca controllava poco più del 50% della società, e quindi al momento dovrebbe essere scesa poco sopra il 40%, rimanendo di fatto l’azionista principale, ma non avendone più il controllo totale e diretto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...