venerdì, Ottobre 22, 2021

ROSNEFT: MOSCA AVREBBE CEDUTO IL CONTROLLO FORMALE SCENDENDO SOTTO IL 50% DEL CAPITALE

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Secondo quanto riferito da fonti confidenziali all’agenzia di stampa Reuters, il Governo russo avrebbe ceduto una quota di Rosneft, portandosi al di sotto del 50% nel capitale del colosso petrolifero e quindi perdendo, almeno formalmente, il controllo sulla corporation i cui altri principali azionisti sono BP, con il 19,75% delle quote, e Qatar Investment Authority (QIA), tramite QH Oil Investments LLC, con il18,93%.

Rosneft, che è il principale produttore di petrolio della Russia, già nei giorni scorsi aveva rivelato di aver ceduto tutti i propri asset detenuti in Venezuela ad una società veicolo controllata direttamente dal Cremlino. In cambio, lo Stato russo avrebbe girato a Rosfnet il 9,6% del suo stesso capitale, scendendo al di sotto del 50% nell’azionariato dell’azienda guidata dall’Amministratore delegato Igor Sechin. Prima di questa operazione – che, tra i vari effetti, secondo la Reuters dovrebbe consentire a Rosneft di limitare il rischio di sanzioni americane in un periodo di forte tensione tra USA, Arabia Saudita e Russia proprio in tema di produzione petrolifera – Mosca controllava poco più del 50% della società, e quindi al momento dovrebbe essere scesa poco sopra il 40%, rimanendo di fatto l’azionista principale, ma non avendone più il controllo totale e diretto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...