venerdì, Gennaio 27, 2023

Rystad prevede un aumento dell’esplorazione di idrocarburi in America Latina

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

L’agenzia inglese specializzata nelle ricerche di mercato di gas e petrolio Rystad Energy, ha pubblicato un rapporto bimestrale sulle tendenze dell’upstream in America Latina.

Secondo lo studio, è prevista una ripresa dell’attività esplorativa nel 2021 soprattutto in Brasile, Argentina e Colombia.

Nel 2020 sono stati scoperti nella regione circa 1 miliardo di barili equivalenti di petrolio (boe). Solo Messico e Brasile rappresentano oltre il 90% di questo volume.

Tuttavia l’inizio dell’anno è iniziato a un ritmo abbastanza lento, con la conferma di solo 300 milioni di boe.

Tra le cause di questo ritardo ci sono gli investimenti, che nella regione sono scesi a circa 30 miliardi di dollari nel 2020 e nel 2021 continuerà su questo livello. Secondo gli analisti di Rystad l’inversione di tendenza si vedrà nel 2023, quando supererà i livelli del 2019.

America Latina ha una lunga lista di progetti offshore in attesa di essere approvata nei prossimi cinque anni, la maggior parte dei quali si trovano in Brasile, Messico, Argentina e Isole Falkland. Il Brasile sarà leader a livello globale in termini di unità FPSO che tra il 2021 e 2025 si aggiungeranno 20 FPSO alla propria flotta marittima.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...