giovedì, Maggio 19, 2022

Rystad prevede un aumento dell’esplorazione di idrocarburi in America Latina

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

L’agenzia inglese specializzata nelle ricerche di mercato di gas e petrolio Rystad Energy, ha pubblicato un rapporto bimestrale sulle tendenze dell’upstream in America Latina.

Secondo lo studio, è prevista una ripresa dell’attività esplorativa nel 2021 soprattutto in Brasile, Argentina e Colombia.

Nel 2020 sono stati scoperti nella regione circa 1 miliardo di barili equivalenti di petrolio (boe). Solo Messico e Brasile rappresentano oltre il 90% di questo volume.

Tuttavia l’inizio dell’anno è iniziato a un ritmo abbastanza lento, con la conferma di solo 300 milioni di boe.

Tra le cause di questo ritardo ci sono gli investimenti, che nella regione sono scesi a circa 30 miliardi di dollari nel 2020 e nel 2021 continuerà su questo livello. Secondo gli analisti di Rystad l’inversione di tendenza si vedrà nel 2023, quando supererà i livelli del 2019.

America Latina ha una lunga lista di progetti offshore in attesa di essere approvata nei prossimi cinque anni, la maggior parte dei quali si trovano in Brasile, Messico, Argentina e Isole Falkland. Il Brasile sarà leader a livello globale in termini di unità FPSO che tra il 2021 e 2025 si aggiungeranno 20 FPSO alla propria flotta marittima.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...