lunedì, Luglio 22, 2024

Saipem, un contratto da 510 milioni per l’impianto Shah negli Emirati

Must read

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

La Abu Dhabi National Oil Company (Adnoc) ha assegnato all’italiana Saipem un contratto EPC (engineering, procurement, construction) per aumentare la capacità produttiva dell’impianto Shah negli Emirati Arabi Uniti, il più grande al mondo nel trattamento del gas acido.

L’investimento, il cui valore si aggira intorno ai 510 milioni di dollari, è in linea con la strategia di ADNOC di sostenere la produzione di gas, rendendo così gli Emirati autosufficienti entro il 2030.

Oltre ai lavori di EPC, il progetto include anche la messa in servizio, l’avvio degli impianti e l’estensione della rete di raccolta del gas già esistente.

Il completamento è previsto per il 2023, e vedrà aumentare la capacità dell’impianto Shah del 13%, da 1,28 a 1,45 miliardi di SCFD (piede cubo standard per giorno).

Yaser Saeed, il direttore esecutivo di Adnoc Upstream, ha dichiarato: “Lo Shah Gas Expansion Project è un eccellente esempio di come Adnoc stia aumentando la propria produzione di gas nei giacimenti esistenti per fornire un approvvigionamento di gas più sostenibile e sostenere l’obiettivo di autosufficienza del gas degli Emirati Arabi Uniti.

Maurizio Coratella, Chief Operating Officer della Divisione E&C Onshore di Saipem, ha commentato dicendo: “L’aggiudicazione di questo nuovo progetto da parte di un cliente chiave come ADNOC rafforza la presenza di lunga data di Saipem negli Emirati Arabi Uniti e costituisce un’ulteriore attestazione di stima verso la nostra capacità di realizzare progetti tecnologicamente complessi in accordo ai più alti standard di sicurezza e rispetto dell’ambiente. Siamo lieti di contribuire al potenziamento di questo importante impianto per il Paese“.

Latest article

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...