mercoledì, Maggio 25, 2022

SAIPEM OTTIENE 3 NUOVI CONTRATTI OFFSHORE IN AZERBAIJAN PER 145 MILIONI DI DOLLARI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Saipem ha ottenuto 3 nuovi contratti offshore in Azerbaijan, per un valore complessivo che ammonta a 145 milioni di dollari.

A comunicarlo è la stessa società italiana, che riferisce di essersi aggiudicata questi appalti, assegnati dalla oil major BP, in consorzio con Boshelf LLC e STAR GULF FZCO, per lo sviluppo del giacimento di petrolio e gas Azeri-Chirag-Gunashli (ACG) nell’offshore dell’Azerbaijan.

Il contractor di San Donato Milanese lavora fin dagli anni ’90 a questo giacimento, situato nel Mar Caspio, a circa 120 chilometri dalla costa dell’Azerbaijan, su una superficie di oltre 4000 chilometri quadrati (è tra i più grandi al mondo nel suo genere).

Nello specifico, due dei nuovi contratti ottenuti da Saipem riguardano la progettazione, la posa e le attività connesse all’installazione di condotte, mentre il terzo è relativo al trasporto e all’installazione di quattro pali-guida (jacket pin pile), strutture e spool sottomarini.

L’assegnazione a Saipem di uno di questi progetti è il risultato del FEED aggiudicato da BP alla divisione XSIGHT di Saipem, in consorzio con i partner locali Bos Shelf e Star Gulf, coinvolta sin dalla fase iniziale e su base fast track. Questo importante risultato è stato raggiunto soprattutto grazie alla collaborazione tra le divisioni di Saipem XSIGHT ed E&C offshore, una sinergia che verrà mantenuta per garantire continuità ed efficienza durante l’esecuzione del progetto EPCI.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...