sabato, Luglio 31, 2021

SAIPEM OTTIENE UN NUOVO CONTRATTO DA 1,2 MILIARDI PER LO SVILUPPO DEL GIACIMENTO ZOHR

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

Saipem ha ottenuto da Petrobel – joint venture costituita al 50% da Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC) e al 50% da IEOC, una controllata di Eni in Egitto – un’estensione del suo attuale contratto per lo sviluppo del progetto Zohr, del valore di 1,2 milioni di euro.

Il nuovo incarico riguarda attività di ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione (EPCI) in relazione alla fase ‘Ramp Up to Plateau’ del maxi-giacimento di gas situato nell’offshore egiziano.

Petrobel è responsabile dello sviluppo di Zohr per conto di PetroShorouk, una joint venture tra Egyptian Natural Gas Holding Company (EGAS) e IEOC, Rosneft, BP e Mubadala Petroleum.

Le attuali attività aggiuntive – spiega la stessa Saipem in una nota – comprendono l’installazione di una seconda pipeline di esportazione del gas da 30 pollici di diametro e le relative linee di interconnessione, ombelicali e cavi elettrici e in fibra ottica, nonché lavori EPCI per lo sviluppo di 10 pozzi in acque profonde (fino a 1700 metri).

L’inizio della fase Ramp Up to Plateau è previsto per gennaio 2019, in diretta continuità con la fase Optimised Ramp Up, che è stata completata in soli 17 mesi dalla sua aggiudicazione.

Saipem impiegherà in questa nuova fase una gamma di mezzi navali altamente specializzati, tra cui: il Castorone, nave posatubi in acque profonde di ultima generazione; la FDS, nave per lo sviluppo di campi sottomarini; Saipem 7000, mezzo per il sollevamento di strutture; Normand Maximus, mezzo a posizionamento dinamico per la costruzione sottomarina; Saipem 3000, mezzo per la costruzione sottomarina oltre che la nave posatubi Castoro Sei e le polivalenti Normand Cutter e Far Samson.

“Questa ulteriore assegnazione nell’ambito dello sviluppo di Zohr – ha commentato Stefano Cao, amministratore delegato di Saipem – costituisce un nuovo riconoscimento della nostra comprovata capacità di recepire gli obiettivi dei nostri clienti sin dalle prime fasi della collaborazione e di portarli a termine con determinazione. Gli innovativi asset e tecnologie, già utilizzate nelle precedenti fasi, e la capacità di costruire solide partnership locali garantiranno il successo anche di questa ulteriore fase”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...