giovedì, Maggio 13, 2021

SAIPEM PRESENTA LE SUE TECNOLOGIE PER LE RINNOVABILI ALL’UNIVERSIA’ DI REGGIO CALABRIA

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Saipem ha presentato oggi in un webinar dedicato agli studenti e ai ricercatori del National Ocean Engineering Laboratory (NOEL) dell’ (UNIRC) le sue tecnologie più innovative applicate alle energie rinnovabili offshore, sviluppate attraverso la sinergia tra la sue divisioni, XSIGHT, dedicata all’early engagement e all’innovazione, ed E&C Offshore.

Le tecnologie che sono state oggetto del webinar sono quelle che utilizzano fonti pulite come le onde e le correnti marine, il vento e il sole, in particolare il solare galleggiante e quelle applicate all’eolico offshore.

Tra queste ultime – spiega la stessa Saipem in una nota – spicca ad esempio il brevetto proprietario HEXAFLOAT relativo alla fondazione galleggiante a pendolo per turbine eoliche il cui primo prototipo verrà costruito attraverso il progetto AFLOWT, finanziato in parte dall’EU con il fondo Interreg.

Per quanto riguarda il solare galleggiante, sono stati spiegati i principi del concept sviluppato da Moss Maritime, parte della Divisione XSIGHT, per un parco di pannelli solari galleggianti, costituito da un sistema modulare molto flessibile, adatto ad essere installato sia vicino alla costa che in aree dove non sono presenti riserve d’acqua di grandi dimensioni e anche in zone molto ventose.

Saipem, inoltre, da tempo si dedica allo studio delle correnti e delle onde marine. Tali ricerche hanno consentito di sviluppare e promuovere, attraverso Sabella, una società del gruppo Saipem, iniziative nel settore delle energie marine con l’obiettivo di testare tecnologie innovative e aiutarle a crescere.

Il contractor italiani ha poi diverse attività di collaborazione con tecnologie di terze parti, come i progetti in corso con la Finlandese Wello Oy, sviluppatrice del Penguin, il Wave Energy Converter (WEC) o il progetto in corso nello stretto di Messina con SeaPower scrl, spin off dell’Università di Napoli Federico II, per lo sfruttamento delle correnti attraverso la loro tecnologia GEMStar.

Dario Giudice, Renewables & Green Technology Product Lead della Divisione XSIGHT di Saipem, ha commentato: “L’incontro di oggi con gli studenti e i ricercatori dell’Università di Reggio Calabria testimonia la valenza strategica che hanno per noi le rinnovabili. Saipem vuole essere riconosciuta per il proprio ruolo di innovatore che persegue la transizione energetica, attraverso lo studio di soluzioni integrate, innovative e sostenibili che ottimizzino lo sfruttamento di fonti d’energia pulita. A questo riguardo, stiamo sviluppando intensivamente soluzioni, come quelle illustrate, che permetteranno di ridurre l’utilizzo delle fonti fossili. Malgrado la situazione contingente, fortemente impattata dal COVID 19, lo sviluppo delle nostre tecnologie, così come dei nostri progetti, non si è mai arrestato e abbiamo continuato a collaborare con importanti istituzioni, come l’Università di Reggio Calabria, attraverso forme nuove che consentono un confronto anche a distanza come webinar e video conferenze”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...