lunedì, Ottobre 3, 2022

SAIPEM STUDIA UNA POSSIBILE FUSIONE COL COMPETITOR NORVEGESE SUBSEA7

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Saipem starebbe considerando una possibile fusione con il competitor norvegese di Subsea 7, operazione che – se dovesse concretizzarsi – sarebbe una delle più grosse mai realizzate nell’industria dei servizi all’oil&gas.

A riferirlo, citando fonti riservate vicine al dossier, è l’agenzia internazionale Bloomberg, secondo cui il deal rientrerebbe negli sforzi messi in atto dal contractor italiano per raggiungere una massa critica sufficiente ad attraversare indenne attraverso il periodo di debolezza che ancora caratterizza il mercato del petrolio.

In ogni caso – ribadisce la stessa Bloomberg – al momento la fusione con Subsea è soltanto un’ipotesi allo studio e nessuna decisione in merito è stata presa dalla parti coinvolte.

Le sole voci circolate sono però bastate a spingere al rialzo i titoli di Saipem (+ 5.3% a Piazza Affari) e di Subsea7 (+8,4% alla Borsa di Oslo), i cui ‘market value’, secondo l’agenzia di stampa americana, corrisponderebbero rispettivamente a 4,9 e 3,3 miliardi di dollari.

Saipem e Saubsea avevano già avviato un negoziato per una possibile fusione alcuni anni fa, senza tuttavia trovare un accordo definitivo.

Secondo la testata italiana MF, se questa volta il merger dovesse concretizzarsi, dall’unione dei due contractor nascerebbe un gruppo di dimensioni considerevoli nel settore, con ricavi di 12,5 miliardi di euro, EBITDA di 1,7 miliardi, sempre secondo il quotidiano finanziario milanese, ‘solo’ 133 milioni di utile netto adjusted secondo le stime sul 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...