venerdì, Aprile 23, 2021

DAL 2021 LA BEI NON FINANZIERA’ PIU’ PROGETTI LEGATI A COMBUSTIBILI FOSSILI (GAS COMPRESO)

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

A partire dalla fine del 2021 la Banca Europea degli Investimenti (BEI l’acronimo italiani, EIB quello inglese) non finanzierà più progetti connessi con i combustibili fossili, compreso il gas naturale, mentre stanzierà ben 1.000 miliardi di euro per sostenere iniziative a sostegno dell’ambiente da qui al 2030.

La decisione, che di fatto da avvio ad una nuova strategia dell’istituto finanziario europeo, è stata presa nei giorni scorsi dal board della BEI, che ha adottato – a valle di un procedimento di confronto con tutti gli stakeholder che è partito a gennaio 2019 e ha coinvolto istituzioni, aziende e privati cittadini – una nuova politica di finanziamento in ambito energetico, confermando il crescente focus sulla sostenibilità ambientale.

“Il clima è uno dei temi principali nell’agenda politica internazionale” ha commentato il Presidente della BEI Werner Hoyer. “Il nostro istituto è stato da sempre attento a questi argomenti e oggi ha voluto fare un salto di qualità nelle sue ambizioni. Non finanzieremo più combustibili fossili e lanceremo il più importante piano di investimenti in attività di sostengo all’ambiente che un’istituzione pubblica abbia mai realizzato”.

La nuova strategia approvata dal board della BEI per il settore energetico si basa su una serie di punti-chiave: supportare i target delle nuova EU Energy Efficiency Directive; favorire la decarbonizzazione supportando tecnologie a bassa o a nulla emissione di CO2 con l’obbiettivo di arrivare ad una quota di rinnovabili in Europa del 32% entro il 2030; aumentare il finanziamento a progetti di produzione energetica decentrata e di formule innovative di stoccaggio; favorire investimenti nella rete necessari a sfruttare fonti rinnovabili intermittenti come eolico e salare; aumentare l’impatto degli investimenti a supporto della trasformazione energetica anche la di fuori dell’Unione Europea.

Andrew McDowell, Vicepresidente della BEI con delega al settore energetico, ha spiegato: “Le emissioni di anidride carbonica generate dall’industria energetica hanno toccato un nuovo picco nel 2018. A seguito di una lunga discussione abbiamo quindi trovato un compromesso in base al quale la banca smetterà di finanziare progetti che contemplino l’utilizzo di combustibili fossili, compreso il gas naturale, a partire dalla fine del 2021”.

La nuova strategia approvata dalla BEI include anche 3 elementi chiave: l’investimento di 1.000 miliardi di euro dal 2021 al 2030 in progetti di sostenibilità ambientale; il progressivo incremento della quota di finanziamenti ambientali sul totale dei fondi erogati dall’istituto, per arrivare al 50% nel 2025; l’allineamento dell’attività finanziaria ai principi dell’accordo di Parigi entro la fine del 2020.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...