mercoledì, Dicembre 8, 2021

SEMESTRE IN ROSSO PER SAIPEM, CHE PERO’ INTRAVEDE LA RIPRESA

Must read

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

I conti semestrali di Saipem soffrono a causa della svalutazione di asset, ma le performance operative dell’azienda italiana sono positive, anche se le prospettive per l’intero anno sono state ritoccate al ribasso.

Nei primi 6 mesi del 2017 i ricavi del contractor italiano si sono attestati a quota 4,5 miliardi di euro, in calo rispetto ai 5,2 miliardi del primo semestre 2016, mentre l’EBITDA adjusted è stato pari a 524 milioni di euro (erano stati 699 milioni nel primo semestre dello scorso anno).

Il periodo si chiude in rosso con un risultato netto negativo per 110 milioni di euro, rispetto ad un utile netto di 53 milioni nei primi semestre 2016, mentre il risultato adjusted è stato pari a 92 milioni di euro (140 milioni di euro nel primo semestre del 2016).

Sono cresciuti però gli investimenti tecnici, da 97 a 147 milioni di euro, ma è lievitato leggermente anche il debito netto, che al 30 giugno 2017 risultava pari a 1,5 miliardi, rispetto a 1,45 miliardi del 30 giugno 2016.

Stenta anche l’acquisizione di nuovi ordini, pari a 2 miliardi di euro nel primo semestre 2017, rispetto ai 3,2 miliardi del corrispondente periodo 2016.

L’attuale situazione ha quindi imposto una revisione al ribasso della guidance 2017, ovvero della previsione sui risultati per l’intero anno, con ricavi che dovrebbero attestarsi a 9,5 miliardi, EBITDA a 1 miliardo e utile netto adjusted a 200 milioni di euro.

Complessivamente soddisfatto, però, il CEO si Saipem Stefano Cao, secondo cui l’azienda “nel primo semestre 2017 ha espresso una solida performance operativa e gestionale. E’ proseguita l’attività di razionalizzazione e rafforzamento con l’avvio del nuovo modello organizzativo, da cui ci attendiamo maggiore efficienza ed efficacia oltre ad una ulteriore riduzione di costi operativi. Queste azioni consentiranno a Saipem di posizionarsi al meglio alla ripresa del mercato. Pur nel perdurante difficile contesto di mercato abbiamo una buona visibilità di prossime significative acquisizioni di ordini”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

OPEC+ conferma la decisione di aumentare la produzione di 400.000 b/g da gennaio

La 23 .ma riunione dell’OPEC e dei Paesi produttori che non fanno parte di questa istituzione, conferma la sua predisposizione di aumentare la produzione...