giovedì, Maggio 19, 2022

SHELL E CABOT ENERGY ABBANDONANO IL PROGETTO ESPLORATIVO ONSHORE ‘CASCINA ALBERTO’ IN NORD ITALIA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Shell Italia, filiale nazionale della major anglo-olandese Royal Dutch Shell, e il socio Cabot Energy, gruppo britannico che lo scorso anno ha rilevato la connazionale Northern Petroleum (a cui apparteneva la quota) hanno deciso di abbandonare il progetto di esplorazione dell’area denominata Cascina Alberto, situata nell’Italia settentrionale.

Ad annunciarlo con una nota ufficiale è la stessa Cabot, che precisa come l’abbandono della licenza diventerà effettivo durante il quarto trimestre del 2019, a seguito della necessaria approvazione da parte delle attività italiane.

Il permesso di esplorazione riguarda un’area di 462,14 km2, suddivisi fra Piemonte e Lombardia, nelle province di Vercelli, Novara, Varese e Biella, ed è detenuto all’80% da Shell e al 20% da Cabot: quest’ultima ha spiegato che l’abbandono del progetto Cascina Alberto è parte della strategia del gruppo, mirata a concentrare sforzi e risorse su asset ritenuti core, a partire da quelli offshore ubicati nel Mar Adriatico e al largo della Sicilia (per quanto riguarda l’Italia).

Shell e Northern Petroleum – il socio originario della major in questa avventura italiana, poi entrato a far parte del gruppo Cabot Energy – avevano sottoposto la loro richiesta di Valutazione di Impatto Ambientale per attività di indagine geofisica nell’area della licenza a dicembre 2017. All’inizio del 2019 il Ministero dell’Ambiente – secondo quanto riportato dalle cronache locali piemontesi – aveva però emesso un “preavviso di rigetto”, anche sulla base delle molte obiezioni al progetto avanzate dalle amministrazioni comunali della zona coinvolta. A quel punto, con una serie di controdeduzioni, Shell e Cabot erano quindi riuscite a trasformare lo status dell’iter in “supplemento di istruttoria tecnica”.

Stato in cui la pratica ancora si trova attualmente, e che evidentemente non verrà più modificato dopo la decisione dei due proponenti di abbandonare il progetto. Scelta che sarebbe matura anche in considerazione degli effetti della legge n.12 dell’11 febbraio 2019 (conversione del Decreto Legge 135/2018) con cui l’Italia ha imposto una moratoria di 18 mesi – fino all’approvazione del ‘Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee’ – a nuove concessioni per la ricerca e la produzione di idrocarburi, nonché la sospensione, per lo stesso periodo, “dei permessi di prospezione o di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi in essere, sia per aree in terraferma che in mare”, con conseguente “interruzione di tutte le attività di prospezione e ricerca in corso di esecuzione, fermo restando l’obbligo di messa in sicurezza dei siti interessati dalle stesse attività”.

Un ulteriore fattore di incertezza che, evidentemente, ha spinto Shell e Cabot ad abbandonare Cascina Alberto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...