venerdì, Agosto 6, 2021

SNAM CHIUDE IL 2018 CON FATTURATO IN CRESCITA E OLTRE 1 MILIARDO DI UTILE

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Si è chiuso con un segno decisamente positivo il 2018 di Snam, che lo scorso anno ha visto tutti gli indicatori economici in crescita e ha messo a segno una serie di acquisizioni finalizzate a posizionare l’azienda nei nuovi settori emergenti legati alla transazione energetica.

Il Consiglio di Amministrazione di Snam ha approvato ieri il bilancio consolidato e il progetto di bilancio di esercizio per il 2018 e la Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario 2018 (DNF), da cui emerge che il fatturato complessivo si è attestato a quota 2,6 miliardi di euro, in crescita del 2,1% su base annua.

L’utile netto adjusted ha raggiunto il miliardo di euro, aumentando del 7,4% rispetto al 2017, mentre l’utile operativo adjusted è stato pari a 1,4 miliardi, con un incremento del 3,1% rispetto all’esercizio precedente.

Dati che consentono a Snam di ritoccare al rialzo le stime sull’utile 2019, che dovrebbe crescere del 5% rispetto a quello realizzato nel 2018 (rispetto al 4% stimato in precedenza).

Sostanzialmente stabile, invece, l’indebitamento finanziario netto, pari a 11,54 miliardi di euro al 31 dicembre 2018, rispetto a 11,50 miliardi dell’anno precedente.

A livello operativo, Snam ricorda di aver concluso il 20 dicembre 2018, tramite una società di scopo controllata al 60% e partecipata al 20% da Enagás e al 20% da Fluxys, l’acquisizione del 66% dell’operatore greco DESFA.

A novembre 2018 sono invece stati avviati – si legge nella nota della società di San Donato Milanese – i nuovi business che posizionano Snam come leader nell’ambito della transizione energetica, anche tramite l’acquisizione di eccellenze tecnologiche in questo settore. In particolare, sono state completate le acquisizioni dell’82% di TEP Energy Solutions (TEP), del 70% di IES Biogas (società attiva nella realizzazione di impianti di Biometano), del 100% di Enersi Sicilia S.r.l. e del ramo d’azienda dedicato alle soluzioni tecnologiche per stazioni di rifornimento di gas naturale per l’autotrazione di M.T.M. Nel corso del 2018, sono state inoltre consegnate le prime 6 stazioni per il rifornimento di gas naturale per autotrazione.

Soddisfatto l’Amministratore delegato di Snam Marco Alverà, che ha commentato: “Il 2018 è stato un anno di grande evoluzione. Abbiamo superato tutti i nostri obiettivi industriali e finanziari e l’avvio del progetto Snamtec valorizza il riposizionamento della società come protagonista della transizione energetica. Le nuove iniziative nel gas rinnovabile, nell’efficienza energetica e nella mobilità sostenibile, oltre all’innovazione tecnologica e sociale, sono diventate la cifra distintiva della Snam dei prossimi anni. Grazie al positivo andamento della gestione, all’efficienza operativa, alla riduzione del costo del debito e al buyback abbiamo aumentato negli ultimi due anni l’utile per azione del 26% e il dividendo dell’8%, posizionandoci nella fascia più alta del settore.

I progressi fatti nel 2018 ci hanno consentito di presentare un importante piano di crescita e sviluppo per i prossimi quattro anni. Aumenteremo gli investimenti in Italia e punteremo a far crescere l’utile e il dividendo per azione del 5% all’anno. A fine piano, l’utile derivante dagli investimenti per la transizione energetica, dai nuovi servizi e dalle attività internazionali supererà il 25% del totale”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...