venerdì, Aprile 23, 2021

SEI I SOGGETTI INTERESSATI A REALIZZARE UN DEPOSITO DI GNL NEL PORTO DI AUGUSTA

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Il sondaggio di mercato avviato a fine 2018 dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Orientale per individuare soggetti potenzialmente interessati a realizzare e operare un deposito costierO di GNL nel porto di Augusta si è concluso positivamente.

Entro i tempi previsti sono infatti arrivare sul tavolo dei tecnici dell’authority 6 istanze, alcune delle quali avanzate da big del settore, e tutte in ogni caso provenienti da soggetti a vario titolo attivi in settori limitrofi a quello del bunkeraggio di GNL, o già impegnati in progetti di analogo tenore in altri porti.

Ci sono infatti Snam, che recentemente ha raggiunto un accordo con Fincantieri per esplorare possibili collaborazioni proprio in relazione a progetti di GNL small scale in ambito portuale, ed Edison, che ha già avviato la fase realizzativa di infrastrutture dello stesso tipo a Ravenna, in partnership con il gruppo locale PIR (Petrolifera Italo Rumena), e Oristano. Lo stesso porto sardo dove Higas (controllata dal gruppo marittimo Stolt-Nielsen e partecipata da Gas and Heat e CPL Concordia), un’altra delle aziende che ha inviato la propria manifestazione d’interesse all’authority di Augusta, ha già iniziato a costruire un proprio deposito per il gas naturale liquefatto.

Le altre istanze sono arrivate da Sasol Italy, la filiale italiana del gruppo sudafricano Sasol, che ad Augusta ha già un proprio stabilimento produttivo, Maxcom Petroli, società della famiglia romana Jacorossi, attiva nel tading di bunker tramite Bunker Energy e nella fornitura fisica di carburante navale proprio ad Augusta tramite la controllata Anapo, e infine da Neri Vulcangas Investimenti (congiuntamente a Poseidon), joint-venture costituita dal gruppo livornese Neri Depositi Costieri e da Società Italiana Gas Liquidi – Vulcangas (attiva nella distribuzione di GPL) per dare vita, in partnership con l’Eni e con Liquigas (anch’essa operante nella distribuzione di GPL), alla newco Livorno LNG Terminal la cui mission è quella di realizzare un deposito costiero per lo stoccaggio di GNL nello scalo labronico.

Ora l’AdSP dovrà convocare una riunione con tutti i soggetti che hanno manifestato interesse, dopo di ché avviare la procedura concorrenziale pubblica per individuare il soggetto a cui affidare la costruzione e quindi la gestione, tramite concessione demaniale, del futuro deposito di GNL del porto di Augusta.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...