venerdì, Aprile 23, 2021

SNAM: NUOVO TEST CON IDROGENO AL 10% IN RETE E PRIMA COMPRAVENDITA DI GAS GESTITA CON BLOCKCHAIN

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

SNAM, da tempo convintamente impegnata nello sviluppo di soluzioni energetiche legate all’utilizzo dell’idrogeno, ha effettuato un nuovo test immettendo, lo scorso 16 dicembre, nella propria rete a Contursi Terme (Salerno) una miscela costituita da metano e da idrogeno al 10% in volume.

Si tratta di un raddoppio rispetto alla prima sperimentazione effettuata lo scorso aprile (per la prima volta in Europa) con una miscela al 5% di idrogeno per una fornitura diretta a due imprese, un pastificio e un’azienda di imbottigliamento di acque minerali attive anch’esse a Contursi

Applicando la percentuale del 10% di idrogeno al totale del gas trasportato annualmente da SNAM – spiega l’azienda in una nota – se ne potrebbero immettere ogni anno in rete 7 miliardi di metri cubi, un quantitativo equivalente ai consumi annui di 3 milioni di famiglie e che consentirebbe di ridurre le emissioni di anidride carbonica di 5 milioni di tonnellate.

Secondo uno studio SSNAM-McKinsey, l’idrogeno potrebbe arrivare a coprire quasi un quarto (23%) della domanda nazionale di energia entro il 2050 in uno scenario di decarbonizzazione al 95% (necessario per rientrare nel target di contenimento del riscaldamento globale entro 1,5°), più dell’attuale quota di mercato combinata dell’elettricità generata da fonti rinnovabili e fossili (20% nel 2018).

SNAM, proprio per sfruttare queste opportunità, ha recentemente costituito una business unit dedicata all’idrogeno ed è impegnata in ricerca e sviluppo nel settore. A livello internazionale, l’azienda fa parte di Hydrogen Council, l’iniziativa lanciata nel 2017 al World Economic Forum di Davos per creare una coalizione di aziende leader nei rispettivi settori impegnate ad accelerare gli investimenti nell’idrogeno, e Hydrogen Europe, che raggruppa oltre 100 aziende, una settantina di istituti di ricerca e 13 associazioni nazionali a livello globale.

Nel frattempo, sempre sul fronte delle soluzioni innovative, SNAM – primo operatore di una rete a farlo in tutto il mondo – ha gestito in via sperimentale delle transazioni bilaterali di compravendita di gas naturale basate sulla tecnologia blockchain.

Gli scambi sono avvenuti a partire da martedì 17 dicembre sul Punto di Scambio Virtuale (PSV), il Trading Hub italiano del gas gestito da SNAM quale operatore del sistema di trasmissione nazionale, e hanno coinvolto i due clienti Axpo Italia e Sorgenia.

L’azienda guidata da Marco Alverà prevede di proseguire con questo tipo di sperimentazioni anche nel 2020.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...