mercoledì, Novembre 29, 2023

SNAM: NUOVO TEST CON IDROGENO AL 10% IN RETE E PRIMA COMPRAVENDITA DI GAS GESTITA CON BLOCKCHAIN

Must read

Dalla Bulgaria suona l’allarme: grandi quantità di petrolio russo fluiscono verso l’Europa

Il campanello d'allarme lo ha lanciato il Centro per lo studio della democrazia (CSD) tramite Martin Vladimirov, che ne è il principale analista energetico:...

Chevron acquisisce un’altra società petrolifera. E le compagnie americane fanno paura

Il colosso petrolifero americano Chevron ha acquisito, tramite un concambio azionario, la società Hess Corporation per un valore di 53 miliardi di dollari. Questa terza,...

Lukoil e China CC7 firmano un accordo di cooperazione

Poche ore fa la più grande compagnia petrolifera russa PJSC Lukoil ha firmato un accordo di cooperazione con China National Chemical Engineering & Construction...

Secondo Gazprom, alcuni paesi europei continuano ad usare il gas russo

Aleksej Miller, amministratore delegato di Gazprom, l'azienda petrolifera federale russa, ha rilasciato un'intervista al programma televisivo russo “Mosca. Cremlino. Putin”, in cui ha dichiarato...

SNAM, da tempo convintamente impegnata nello sviluppo di soluzioni energetiche legate all’utilizzo dell’idrogeno, ha effettuato un nuovo test immettendo, lo scorso 16 dicembre, nella propria rete a Contursi Terme (Salerno) una miscela costituita da metano e da idrogeno al 10% in volume.

Si tratta di un raddoppio rispetto alla prima sperimentazione effettuata lo scorso aprile (per la prima volta in Europa) con una miscela al 5% di idrogeno per una fornitura diretta a due imprese, un pastificio e un’azienda di imbottigliamento di acque minerali attive anch’esse a Contursi

Applicando la percentuale del 10% di idrogeno al totale del gas trasportato annualmente da SNAM – spiega l’azienda in una nota – se ne potrebbero immettere ogni anno in rete 7 miliardi di metri cubi, un quantitativo equivalente ai consumi annui di 3 milioni di famiglie e che consentirebbe di ridurre le emissioni di anidride carbonica di 5 milioni di tonnellate.

Secondo uno studio SSNAM-McKinsey, l’idrogeno potrebbe arrivare a coprire quasi un quarto (23%) della domanda nazionale di energia entro il 2050 in uno scenario di decarbonizzazione al 95% (necessario per rientrare nel target di contenimento del riscaldamento globale entro 1,5°), più dell’attuale quota di mercato combinata dell’elettricità generata da fonti rinnovabili e fossili (20% nel 2018).

SNAM, proprio per sfruttare queste opportunità, ha recentemente costituito una business unit dedicata all’idrogeno ed è impegnata in ricerca e sviluppo nel settore. A livello internazionale, l’azienda fa parte di Hydrogen Council, l’iniziativa lanciata nel 2017 al World Economic Forum di Davos per creare una coalizione di aziende leader nei rispettivi settori impegnate ad accelerare gli investimenti nell’idrogeno, e Hydrogen Europe, che raggruppa oltre 100 aziende, una settantina di istituti di ricerca e 13 associazioni nazionali a livello globale.

Nel frattempo, sempre sul fronte delle soluzioni innovative, SNAM – primo operatore di una rete a farlo in tutto il mondo – ha gestito in via sperimentale delle transazioni bilaterali di compravendita di gas naturale basate sulla tecnologia blockchain.

Gli scambi sono avvenuti a partire da martedì 17 dicembre sul Punto di Scambio Virtuale (PSV), il Trading Hub italiano del gas gestito da SNAM quale operatore del sistema di trasmissione nazionale, e hanno coinvolto i due clienti Axpo Italia e Sorgenia.

L’azienda guidata da Marco Alverà prevede di proseguire con questo tipo di sperimentazioni anche nel 2020.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dalla Bulgaria suona l’allarme: grandi quantità di petrolio russo fluiscono verso l’Europa

Il campanello d'allarme lo ha lanciato il Centro per lo studio della democrazia (CSD) tramite Martin Vladimirov, che ne è il principale analista energetico:...

Chevron acquisisce un’altra società petrolifera. E le compagnie americane fanno paura

Il colosso petrolifero americano Chevron ha acquisito, tramite un concambio azionario, la società Hess Corporation per un valore di 53 miliardi di dollari. Questa terza,...

Lukoil e China CC7 firmano un accordo di cooperazione

Poche ore fa la più grande compagnia petrolifera russa PJSC Lukoil ha firmato un accordo di cooperazione con China National Chemical Engineering & Construction...

Secondo Gazprom, alcuni paesi europei continuano ad usare il gas russo

Aleksej Miller, amministratore delegato di Gazprom, l'azienda petrolifera federale russa, ha rilasciato un'intervista al programma televisivo russo “Mosca. Cremlino. Putin”, in cui ha dichiarato...

QatarEnergy e Sinopec firmano un accordo di fornitura di 27 anni

Con un comunicato stampa Qatarenergy ha fatto sapere di aver accettato di firmare con Sinopec – China Petrochemical Corporation – due accordi, di cui...